Benessereblog Alimentazione Sale, una dieta ipersodica può essere dannosa per le ossa

Sale, una dieta ipersodica può essere dannosa per le ossa

Il sale fa male al cuore, aumenta la pressione arteriosa ed è un grave pericolo per le ossa.

Sale, una dieta ipersodica può essere dannosa per le ossa

Consumare troppo sale non solo fa male alla pressione, innalzandone i valori, ma può essere un problema per le ossa, che letteralmente vengono corrose da questa sostanza. A darne notizia è lo studio preliminare di una nuova ricerca australiana. Gli studiosi del Baker Heart and Diabetes Institute di Sydney hanno alimentato topi di laboratorio per 12 settimane con una dieta ad alto contenuto di sale (equivalente per gli umani a 12 grammi di sale al giorno, che è quello che molti consumano) per esaminarne gli effetti, oltre all’ipertensione.

Che cosa è emerso? I topi avevano sistemi immunitari estremamente attivi e un numero eccessivo di globuli bianchi, prodotti da cellule staminali ‘ribelli’ nella milza. Interessante e al tempo stesso preoccupante la salute delle ossa, dove le cellule staminali risiedono: sono state trovate piene di buchi.

Le cellule immunitarie iperattive, cresciute a dismisura per l’esposizione ad alti livelli di sale, avevano corroso il tessuto osseo. Lo studio, ancora in fase preliminare, non è stato ancora pubblicato ma i risultati sono stati presentati a conferenze nazionali e internazionali. Gli scienziati hanno spiegato:

“Le ossa non sono solide. Sono costituite da un’impalcatura di cellule ossee, con cellule staminali che hanno il compito di produrre nuove cellule per il sangue. Quando le cellule immunitarie cominciano a corrodere l’osso, le staminali si diffondono liberamente”.

Via | Ansa

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quali sono gli alimenti che fanno bene al cuore
Nutrizione

Come tutti sappiamo, l’alimentazione è importante per tutelare la propria salute. Alcuni cibi hanno un impatto positivo anche sul nostro cuore, in particolare cioccolato fondente, cereali integrali, frutta e verdura. Abbiamo chiesto al dottor Godino, cardiologo, di dirci qualcosa in più a riguardo.