Benessereblog Salute Malattie Risonanza magnetica, i rischi per chi ha un defibrillatore e le soluzioni

Risonanza magnetica, i rischi per chi ha un defibrillatore e le soluzioni

La risonanza magnetica è un esame diagnostico consigliato per poter individuare moltissimi tipi di patologie. Cosa fare in caso di pazienti che hanno un defibrillatore? Ecco le possibili soluzioni in merito.

Risonanza magnetica, i rischi per chi ha un defibrillatore e le soluzioni

La risonanza magnetica è un esame diagnostico molto importante, che può essere utilizzato in caso di sintomi che portano il medico a pensare che il paziente soffre di particolari patologie. La risonanza magnetica è un esame indolore, che a volte mette un po’ di apprensione a chi soffre di claustrofobia, anche se in molti centri esistono apparecchi aperti che consentono anche a questi pazienti di affrontare l’esame.

Ci sono anche altri pazienti che non potrebbero eseguire la risonanza magnetica, vale a dire tutte quelle persone che soffrono di aritmie cardiache e che sono state sottoposte ad un intervento di impianto di un defibrillatore, uno strumento salva-vita in grado di rilasciare delle scosse elettriche per fermare l’aritmia e consentire al cuore di riprendere il suo normale ritmo. Come fare in questi casi?

Esistono, ad esempio, dei particolari defibrillatori impiantabili che permettono ai pazienti di sottoporsi ad una risonanza magnetica: sono state ideate nuove tecnologie che consentono ai pazienti di affrontare questo esame, utilizzando questo importante strumento di diagnosi per poter individuare eventuali patologie che potrebbero anche risultare letali se non diagnosticate in tempo.

Questi nuovi dispositivi di ultima generazione montano cateteri sicuri anche in caso di risonanza magnetica, permettendo dunque di avere i vantaggi di un defibrillatore impiantabile in grado di salvare la vita al paziente, consentendogli anche di accedere ad un esame importante come la risonanza magnetica. Il prodotto è già utlizzato in moltissimi centri italiani.

Foto | da Flickr di kikisdad

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.