Benessereblog Benessere Psicologia Psicologia: la tv per bambini alimenta la disuguaglianza di genere?

Psicologia: la tv per bambini alimenta la disuguaglianza di genere?

I programmi Tv per bambini alimentano la disuguaglianza di genere? Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Psicologia: la tv per bambini alimenta la disuguaglianza di genere?

In America, i programmi Tv per bambini potrebbero aumentare il problema della disuguaglianza di genere? Questo è ciò che emerge da un nuovo studio condotto dai membri della Rutgers University-New Brunswick, secondo cui la disuguaglianza di genere interessa sia il contenuto dei programmi proposti ai bambini guardano ogni giorno, sia la scelta degli attori.

Dalla ricerca è infatti emerso che, negli spettacoli televisivi dedicati ai bambini di età compresa tra 2 e 12 anni, il 64% dei personaggi maschili è ancora dominante, in particolar modo per quanto riguarda i personaggi non umani (72%), mentre i personaggi umani femminili sono generalmente persone di colore (46%) rispetto personaggi maschili umani (25%).

Il fatto che i personaggi femminili siano maggiormente tendenti ad essere ritratti come persone di colore suggerisce che alcuni spettacoli potrebbero provare a prendere due piccioni con una fava, secondo gli autori dello studio, i quali sottolineano la gravità di questo fenomeno:

La televisione è una delle principali forze socializzanti nella vita dei bambini; trascorrono più tempo a guardare e interagire con gli schermi che in qualsiasi altra attività e apprendono dalla TV i valori della società, chi conta nella società, che cosa si può aspirare a diventare e così via. Inoltre questo è importante perché gli Stati Uniti continuano a essere il principale produttore ed esportatore di TV per bambini, e quindi continuano a diffondere tali valori fuorviati anche nel resto del mondo.

via | Eurekalert
Foto da Pixabay

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Perché si dice rosso di rabbia?
Psicologia

La rabbia può essere un’emozione positiva e utile, se espressa in modo appropriato. Ma quando ci lasciamo prendere la mano, può accadere che tale sentimento prenda il sopravvento, con tutte le prevedibili conseguenze che comporta. Tra le sue manifestazioni c’è anche il rossore del viso: in questo articolo ci preoccupiamo di spiegare scientificamente perché questo accade ed il significato che si cela dietro la frase “rosso di rabbia”.