Benessereblog Alimentazione Proprietà salutari dei datteri

Proprietà salutari dei datteri

Ormai ci siamo: l’atmosfera natalizia ci ha presi. Tempo di buoni propositi, di cibi dolci e di cibi pesanti ma anche di cibi salutari. Ad esempio i datteri, che quest’anno è uno dei pochi prodotti tipicamente natalizi che non ha subito grossi aumenti di prezzo. Addirittura quelli biologici li ho trovati ad un prezzo inferiore […]

Proprietà salutari dei datteri

Ormai ci siamo: l’atmosfera natalizia ci ha presi. Tempo di buoni propositi, di cibi dolci e di cibi pesanti ma anche di cibi salutari. Ad esempio i datteri, che quest’anno è uno dei pochi prodotti tipicamente natalizi che non ha subito grossi aumenti di prezzo. Addirittura quelli biologici li ho trovati ad un prezzo inferiore all’anno scorso, sia al supermercato che nei negozi di alimenti naturali.

Peccato vengano proposti solo in questo periodo dell’anno, perchè in realtà il dattero è un frutto davvero salutare. Un utilizzo consueto nella medicina naturale è come integratore durante la sindrome influenzale. Il magnesio del frutto, rinforza l’azione dei rimedi contro la febbre. Dai 5 ai 10 datteri al giorno, consumati durante un periodo di malattia da raffreddamento, danno energia, migliorano i tempi di recupero, rinforzano il sistema immunitario, prevengono le ricadute virali. Io ho provato con grande sollievo per la mia gola infiammata, una tipica ricetta della medicina tradizionale ebraica. Ho messo 5 datteri snocciolati e spezzettati in 150 ml di latte intero, portando poi ad ebollizione. Ho spento e lasciato intiepidire per 5 minuti. Poi ho bevuto il latte e mangiato i datteri. L’ho trovato davvero efficace, soprattutto come lenitivo della gola arrossata.

Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Cosa deve e non deve mangiare chi ha l’anemia mediterranea
Malattie

Chi ha l’anemia mediterranea, anche in base alla gravità della patologia del sangue, che è ereditaria e può essere trasmessa ai propri figli, deve prestare massima attenzione agli alimenti ricchi di ferro, per evitare accumuli. Il ferro è presente in alimenti di tipo animale e di tipo vegetale, anche se l’assorbimento è maggiore nei primi rispetto ai secondi e varia anche in base alle condizioni di salute di ogni paziente.