Benessereblog Alimentazione Problemi digestivi? Un mango al giorno, li toglie di torno

Problemi digestivi? Un mango al giorno, li toglie di torno

Il mango aiuta ad alleviare i problemi digestivi. Ecco cosa rivela un nuovo studio.

Problemi digestivi? Un mango al giorno, li toglie di torno

Soffrite di problemi digestivi? Il mango potrebbe aiutare a risolvere questo fastidioso disturbo. A suggerirlo è un nuovo studio condotto dai membri della Texas A&M University e pubblicato sulla rivista Molecular Nutrition & Food Research, secondo cui questo delizioso frutto, che contiene sia fibre che sostanze nutritive chiamate polifenoli, può aiutare a trattare il problema della costipazione e dell’infiammazione intestinale in modo più efficace rispetto a una quantità equivalente di integratore di fibre.

Si ritiene che un adulto su cinque soffra di una condizione digestiva a lungo termine

spiegano gli esperti, che per il loro studio hanno arruolato 36 uomini e donne con costipazione cronica, e li hanno seguiti per un periodo di 4 settimane. I partecipanti sono stati suddivisi in due gruppi: il primo gruppo ha mangiato ogni giorno 300 grammi di mango (all’incirca un frutto), mentre il secondo ha assunto una quantità equivalente di integratore di fibre.

Fatta eccezione per questa differenza, la dieta dei partecipanti è stata mantenuta invariata per quanto riguarda calorie, carboidrati, fibre, proteine e grassi. Alla fine del mese, entrambi i gruppi hanno mostrato una riduzione del problema della stitichezza, ma il mango si è rivelato più efficace nell’alleviare i sintomi rispetto alla sola integrazione di fibre. Il frutto ha anche contribuito a migliorare l’equilibrio della flora batterica intestinale e a ridurre l’infiammazione.

I nostri risultati

concludono gli autori della ricerca

suggeriscono che il mango offre dei vantaggi in più rispetto al supplemento di fibre.

via | DailyMail

Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.