Benessereblog Salute Malattie Prevenzione del melanoma in età pediatrica: il consiglio degli esperti

Prevenzione del melanoma in età pediatrica: il consiglio degli esperti

Prevenzione del melanoma in età pediatrica: il consiglio degli esperti

Perché è importante la prevenzione del melanoma già in età pediatrica? Stiamo parlando di un tumore della pelle che in Italia è al terzo posto per incidenza in pazienti con meno di 50 anni. Ne esistono diverse forme: ci sono i melanomi a diffusione superficiale, nodulare, acrale lentigginoso e di tipo lentigo maligna. Può manifestarsi sulla pelle che all’apparenza sembra sana. Occhi puntati sui nei già esistenti che cambiano forma o diventano più grandi.

Ignazio Stanganelli, responsabile Skin Cancer Unit dell’Istituto Romagnolo per lo studio dei Tumori ‘Dino Amadori’ e professore associato dell’Università di Parma, in un’intervista ad alleati per la Salute, portale di informazione medico scientifica di Novartis, spiega quando la prevenzione primaria sia essenziale. A partire dall’infanzia.

Sin dalla tenera età infatti, occorre adottare comportamenti adeguati durante l’esposizione solare perché altrimenti può contribuire allo sviluppo di un melanoma.

Tumore della pelle, rischi maggiori per chi è nato in Primavera

Come fare prevenzione del melanoma in età pediatrica

L’esperto dà utili consigli per riconoscere un neo anomalo che ci deve insospettire. Se questa macchia scura sulla pelle è irregolare e non ha colori omogenei, forse si può parlare di nevo diverso, che non ha nulla a che vedere con le altre lesioni pigmentate che magari sono presenti sul corpo. Riconoscere queste macchie anomale è fondamentale, perché con una diagnosi precoce si può iniziare prima il trattamento, che risulterà più efficace.

Il medico sottolinea che sono almeno cinque le specifiche che bisogna tenere a mente e che corrispondono alle prime cinque lettere dell’alfabeto, ABCDE:

  • A come asimmetria
  • B come bordi irregolari
  • C come colore disomogeneo o nero
  • D come dimensioni superiori ai 6 millimetri
  • E come evoluzione, con modifiche sia nelle dimensioni sia nell’aspetto, anche con una certa velocità

Questi criteri rappresentano importanti strumenti anche per effettuare un auto-esame ed eventualmente a richiedere il parere del proprio medico, che potrebbe indirizzare verso una visita specialistica da un dermatologo.

Foto di 자유 천지 da Pixabay

Via | Adnkronos

Seguici anche sui canali social