Scoppiare le vesciche, sì o no?

Scoppiare le vesciche, sì o no?

Scoppiare le vesciche, sì o no? Scopriamo se far fuoriuscire il siero velocizza la guarigione e se rappresenta la soluzione giusta.

E’ un classico di quando si indossano delle scarpe nuove e si percorrono lunghi tragitti a piedi quello di vedere comparire sulla pianta, o sul tallone, le famigerate vesciche. Ma, il ripetuto sfregare della suola o della scarpa stessa sulla pelle non è la sola causa del loro formarsi: possono dipendere anche da reazioni allergiche o dalla lunga esposizione al caldo o al freddo intenso. Quale che sia la loro causa, è giusto scoppiarle o no? Già perché, vi sfidiamo a negarlo, il pensiero fisso dopo averne verificato la presenza è proprio quello. Ma cosa è giusto fare?

E’ giusto scoppiare le vesciche?

Secondo la dott.ssa Erum Ilyas, dermatologa di Philadephia, la risposta sarebbe sì. Ciò in quanto il dolore da esse provocato non tenderà a cessare fino a quando la pressione del liquido che contengono (e che si chiama siero) non verrà meno. E, di conseguenza, non avverrà il processo di guarigione. Senza contare il fatto che, se non lo facciamo noi, potrebbero scoppiare da sole, e magari in presenza di condizioni non esattamente igieniche, che potrebbero portare ad un’infezione.

Scoppiare le vesciche, sì o no?

Come scoppiare le bolle ai piedi?

E farle guarire in poco tempo? E’ presto detto:

  • Lavate l’area nella quale si è formata la vescica con acqua e sapone.
  • Servendovi di un ago sterile, o di una spilla da balia ugualmente sterilizzata, affondatene la punta dentro la vescica.
  • A questo punto la maggior parte del siero fuoriuscirà. In caso contrario non forzatelo, significa che non è maturo.
  • Coprite la parte interessata con una garza ed una benda che eserciti pressione sulla zona, in modo che si scongiuri un accumulo di fluido nel blister. Tale accorgimento favorisce la guarigione.
  • Non è necessario applicare una crema antibiotica, che potrebbe risultare irritante.
  • Importante è, però, non staccare lo strato di pelle rimasta, che fungerà da benda naturale per la zona sottostante.

Ovviamente è bene precisare come non tutte le vesciche vadano scoppiate, soprattutto quelle delle quali non conosciamo la causa. Spesso possono essere sintomo di una malattia della pelle di origine autoimmune, meglio consultare il proprio medico.

Via | health.howstuffworks.com

Photo | Unplash

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog