Benessereblog Salute Terapie e Cure Perdite di memoria, 6 segnali che devono preoccupare

Perdite di memoria, 6 segnali che devono preoccupare

Quali sono i segnali preoccupanti della perdita di memoria?

Perdite di memoria, 6 segnali che devono preoccupare

Le perdite di memoria sono frequenti e capitano a tutti. Sono il segno della normale attività del cervello che deve sempre immagazzinare, dare priorità e recuperare tutti i tipi di informazione. Possono diventare preoccupanti quando impediscono la riuscita di attività normali, come mantenere l’igiene personale o guidare.

Ecco alcuni segnali preoccupanti della perdita di memoria secondo la Food and drug administration (Fda), l’agenzia Usa che regola i farmaci.

  • Dimenticare dove è stata parcheggiata la macchina
  • Dimenticare le persone
  • Faticare a ricordare un’intera conversazione (qualche dettaglio è normale)
  • Ripersi o fare sempre le stesse domande
  • Perdersi in un posto familiare
  • Appoggiare le cose in posti strani (le chiavi nel frigo, per esempio)

In questi casi, il consiglio è quello di rivolgersi al medico che valuterà se prescrivere test cognitivi, esami neurologici, del sangue e delle urine, oltre ad una tac o risonanza magnetica, per capire se le amnesie sono reversibili o segno di qualcosa di più grave.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Granuloma ombelicale: cos’è e come si cura
Genitori e figli

Il granuloma ombelicale è un nodulo color rossastro, con dimensioni che possono andare da 1 millimetro a 1 centimetro, circa. Questo nodulo può apparire leggermente umido, arrossato e tondeggiante. Si forma tra le pieghe della pelle dell’ombelico e si può comodamente individuare durante la pulizia dello stesso dopo la caduta del moncone ombelicale. Diversi i rimedi utili: se non dovessero funzionare, si deve ricorrere all’asportazione chirurgica.