Benessereblog Salute Parto cesareo, 1 bambino su 5 nasce non di parto naturale

Parto cesareo, 1 bambino su 5 nasce non di parto naturale

Parto cesareo, 1 bambino su 5 nasce non di parto naturale

Parti cesarei, quanti sono nel mondo? Secondo i recenti dati contenuti all’interno di una ricerca pubblicata sulla rivista Lancet e condotta su 169 paesi, tra cui anche l’Italia, pare che un bambino su 5 nasce nel mondo con parto cesareo invece che con un parto naturale. A livello internazionale il parto con il bisturi è raddoppiato tra il 2000 e il 2015 passando dal 12% (16 milioni dei 131,9 milioni di parti) a oltre uno su 5 (29,7 milioni dei 140,6 milioni di parti). Si stima, però, che solo il 10-15% dei parti ha realmente bisogno di questa modalità.

La ricerca, condotta in molti atenei come il King’s College di Londra e la Yale University, dimostra che più del 60% dei paesi fa troppi cesarei, in particolare quelli più ricchi, mentre più del 25% ne fa pochi rispetto al necessario, come avviene spesso nei paesi del sud del mondo dove, purtroppo, ancora si può morire di parto.

I paesi con meno parti cesarei sono la Finlandia con il 15,5%, la Norvegia con il 16,1%, la Svezia con il 17,3%, la Gran Bretagna con il 26,2%. I paesi peggiori per eccesso di parti cesarei sono la Repubblica Dominicana con il 58,1%, il Brasile e l’Egitto con il 55,5%, la Turchia con il 53,1%.

Quanti parti cesarei in Italia ogni anno? Il nostro paese è maglia nera in Europa con il 25,3% dei parti con taglio cesareo nel 2015, stesso dato del 2001, anche se nel biennio 2006-2007 abbiamo raggiunto anche percentuali del 39,7 per cento.

Secondo gli esperti la percentuale realmente necessaria dovrebbe essere intorno al 10-15%: se si supera questa cifra, probabilmente si stanno facendo più cesarei del necessario.

Via | Ansa

Foto iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social