Benessereblog Salute Oggi è la Giornata Mondiale della Distrofia muscolare di Duchenne

Oggi è la Giornata Mondiale della Distrofia muscolare di Duchenne

Oggi, 7 Settembre, è la Giornata mondiale di sensibilizzazione sulla distrofia muscolare di Duchenne. Conosciamo meglio questa rara malattia.

Oggi è la Giornata Mondiale della Distrofia muscolare di Duchenne

Oggi, 7 Settembre 2018, è la quinta edizione della Giornata Mondiale di sensibilizzazione sulla distrofia muscolare di Duchenne, una rara malattia che colpisce un bambino maschio su 5000. La Distrofia Muscolare di Duchenne è una malattia genetica degenerativa, a causa della quale la normale formazione della proteina distrofina, responsabile dell’integrità delle fibre muscolari, risulta compromessa.

Questa malattia comporta un progressivo indebolimento della struttura muscolare, e colpisce prima le anche, poi il bacino, i muscoli e le spalle, e infine la muscolatura scheletrica, arrivando a colpire anche i polmoni e il cuore.

Generalmente i bambini iniziano a manifestare i sintomi della malattia a partire dall’età di 2 anni circa, e presentano disturbi come difficoltà a camminare, ad alzarsi, a stare al passo con gli altri bambini e problemi respiratori. I bambini presenteranno anche un anomalo ingrossamento dei polpacci, e metteranno in atto la cosiddetta manovra di Gowers, ovvero un movimento particolare, che porta il bambino a posare le mani sulle gambe per riuscire ad alzarsi in piedi.

Purtroppo non esiste ancora una cura definitiva per la Distrofia Muscolare di Duchenne. La malattia colpisce 3.600-6.000 bambini nel mondo, e la sola speranza di riuscire a ritardare la progressione dei sintomi è quella di effettuare una diagnosi precoce.

Identificare i segni e i sintomi precoci della distrofia di Duchenne

spiega il Prof. Eugenio Mercuri, direttore dell’U.O. di Neuropsichiatria Infantile presso il Policlinico Universitario “A. Gemelli” di Roma

è fondamentale per garantire che i bambini vengano rapidamente inviati ad uno specialista e perché la diagnosi sia confermata con la massima tempestività. Prima vengono avviate le strategie di presa in carico e gestione, maggiore sarà la probabilità di preservare la forza e la funzione muscolare il più a lungo possibile e garantire una qualità della vita migliore.

Gli esperti spiegano che l’approccio a questa malattia consiste in un trattamento multidisciplinare, che comprende fisioterapia, trattamento con steroidi, assistenza respiratoria e gestione psicosociale, che aiutano a migliorare le condizioni di vita del paziente, prolungandone significativamente anche l’aspettativa di vita.

 

Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Posso prendere l’Augmentin per il mal di gola?
Salute

L’Augmentin per il mal di gola si può prendere, a patto che l’infezione sia di origine batterica. Deve essere prescritto dal medico curante con ricetta ripetibile e vanno seguite le sue indicazioni passo dopo passo. Mai interrompere prima la durata del trattamento previsto, anche se notiamo che i sintomi sono quasi del tutto scomparsi. Di solito la terapia base dura 5-7 giorni, per sconfiggere il batterio che ha attaccato il nostro organismo.