Benessereblog Benessere Psicologia Obesità: se la famiglia è stressante, aumentano i rischi per gli adolescenti

Obesità: se la famiglia è stressante, aumentano i rischi per gli adolescenti

Lo stress familiare potrebbe aumentare di molto il rischio di diventare degli adolescenti obesi. Ecco cosa emerge da un recente studio condotto dalla University of Houston e dal Texas Obesity Research Center (TORC).

Obesità: se la famiglia è stressante, aumentano i rischi per gli adolescenti


Obesità e stress familiare sono collegati fra loro secondo un nuovo studio, che dimostra l’esistenza di una relazione tra l’esposizione a lungo termine a tre tipi di stress familiari, ed il maggior rischio, per i bambini, di diventare obesi prima dei 18 anno di età. Lo studio è stato pubblicato su Preventive Medicine, e prende in esame tre tipi di stress familiare, ovvero quello provocato dalla disgregazione di una famiglia, lo stress finanziario e quello provocato dalla cattiva salute della madre.

Quindi, gli esperti hanno esaminato un campione di 4.700 adolescenti nati tra il 1975 e il 1990, ed hanno constatato che lo stress percepito in famiglia – in particolare quello dovuto alla disgregazione familiare e allo stress finanziario – sarebbe associato a casi di sovrappeso o obesità per le adolescenti prima che compiano 18 anni.

È interessante notare che solo il punto relativo alla cattiva salute materna è invece collegato al maggior rischio di obesità per i maschi. Dallo studio emerge comunque l’importanza di mettere in atto dei programmi di lotta all’obesità che prevedano anche un aiuto alle famiglie, per eliminare tali fattori di stress.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | ScienceDaily

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quali sono le 4 fasi del burnout
Psicologia

Il burnout è una forma di stress da lavoro correlato, che può essere cronica e persistente, una sindrome che attraversa quattro fasi: Entusiasmo idealistico, Stagnazione, Frustrazione, Disimpegno. A lungo andare i sintomi peggiorano e potremmo essere portati a pensare di non essere all’altezza e di voler lasciare quel lavoro che non segue le aspettative che avevamo all’inizio. Alla lunga può rendere la vita un inferno, meglio affidarsi a uno psicologo o uno psicoterapeuta.