Benessereblog Benessere Nove regole per tatuaggi sicuri

Nove regole per tatuaggi sicuri

I consigli di un'esperta

Nove regole per tatuaggi sicuri

Guarda la galleria: Tatuaggi sicuri

Decorare il proprio corpo con dei tatuaggi è un fenomeno in costante crescita anche in culture, come quella italiana, in cui l’arte di colorare la pelle non fa parte delle tradizioni locali. A certificarlo è una recente indagine dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) secondo cui sono quasi in 7 milioni gli italiani tatuati, una quota pari al 12,8% della popolazione.

Alla luce di quest’ampia diffusione gli esperti ricordano l’importanza di tatuarsi in sicurezza. A parlarci dell’argomento è Susanna Esposito, presidente di WAidid, l’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici. Ecco 9 regole da seguire per garantirsi questa sicurezza:

  1. quella di tatuarsi deve essere una scelta consapevole;
  2. scegliere attentamente la struttura in cui farsi tatuare;
  3. ricordare l’importanza del consenso informato;
  4. nel caso dei minorenni il consenso informato deve essere firmato dai genitori;
  5. verificare che siano garantiti alti standard di igiene;
  6. verificare che la strumentazione sia adeguata e sterilizzata;
  7. gli aghi devono essere usa e getta o conservati in pacchetti sigillati;
  8. i pigmenti devono essere sempre nuovi;
  9. il tatuatore dovrebbe sempre indossare i guanti.

Via | Comunicato stampa

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.