Benessereblog Se non vuoi avere figli, forse è anche a causa dei cambiamenti climatici

Se non vuoi avere figli, forse è anche a causa dei cambiamenti climatici

Se non vuoi avere figli, forse è anche a causa dei cambiamenti climatici

Non vuoi avere figli? Probabilmente una delle ragioni di questa decisione sono i cambiamenti climatici. Spesso le donne che non vogliono figli sono accusate di essere egoiste e fredde. Vengono criticate, etichettate come superficiali, concentrate solo sul lavoro e sulla carriera. Gli attacchi (velati o espliciti) contro chi non vuole mettere al mondo un bambino spesso arrivano proprio da altre donne, e sono fondati sul nulla.

Ad analizzare i possibili motivi che spingono alcune persone a non voler diventare genitori è un nuovo studio condotto dai membri dell’Università dell’Arizona e pubblicato sulla rivista Population and Environment, dal quale è emerso che molte persone non vogliono figli per paura di un futuro incerto.

Non stiamo parlando di un futuro prossimo, legato magari a problemi finanziari o a una relazione di coppia poco stabile. Stiamo parlando del futuro della Terra.

Gli effetti della paura del cambiamento climatico

I cambiamenti climatici, secondo il nuovo studio, sono una delle motivazioni esposte da un gruppo di giovani fra i 18 e i 34 anni, intervistati in merito alla possibilità di diventare o meno genitori.

Per molte persone, la questione se avere figli o meno è una delle più grandi che dovranno affrontare nella loro vita. Se sei preoccupato per come sarà il futuro a causa del cambiamento climatico, ovviamente questo avrà un impatto sul modo in cui vedi questa importante decisione della tua vita.

Gli autori dello studio hanno intervistato un campione di ragazzi e ragazze che avevano espresso il loro timore in merito agli stravolgimenti ambientali che stanno mettendo in ginocchio il nostro Pianeta. Gli autori non volevano solo analizzare l’impatto di tali paure sulla decisione di avere un figlio, ma volevano capire in che modo i cambiamenti del clima stanno influenzando il benessere mentale dei partecipanti e della popolazione in generale.

Anche tu non vuoi avere figli per paura del futuro?

paura del cambiamento climatico

Dalle interviste condotte su 24 volontari sono emerse 3 paure in particolare, legate alla possibilità di avere dei figli:

  • Preoccupazione di come l’arrivo di un bambino potrebbe contribuire al cambiamento climatico attraverso una maggiore impronta di carbonio.
  • Problema della sovrappopolazione: alcune persone ritengono egoista la scelta di avere più di 2 figli, mentre reputano l’adozione una scelta più responsabile.
  • Futuro incerto: infine, la paura per un futuro poco chiaro e poco rassicurante rappresenta il terzo motivo che accomuna tante coppie che non vogliono figli. Molti hanno spiegato che si sentirebbero in colpa nel mettere al mondo un bambino con un futuro tanto incerto ad attenderlo.

Oltre a queste paure, alcuni intervistati hanno ammesso che l’idea stessa dei bambini offre tuttavia una speranza per un futuro migliore. Tanti sperano che proprio le nuove generazioni possano fare ciò che noi, nonostante gli sforzi di molte persone, non stiamo ancora riuscendo a fare, ovvero rispettare e proteggere la nostra Terra.

Foto di DarkmoonArt_de da Pixabay
Foto di Anja#helpinghands #solidarity#stays healthy da Pixabay
via | ScienceDaily

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social