Benessereblog Alimentazione No alla carne rossa tutti i giorni

No alla carne rossa tutti i giorni

Mangiare carne rossa tutti i giorni vuol dire consumarne quantità eccessive. Questo può causare problemi alla salute cardiovascolare e può far aumentare il rischio di diabete. Secondo uno studio pubblicato qualche giorno fa su “Circulation”, il dito è puntato su tutta la carne rossa ma in particolar modo contro quella processata (pancetta, wurstel, salumi).Secondo i […]

No alla carne rossa tutti i giorni



Mangiare carne rossa tutti i giorni vuol dire consumarne quantità eccessive. Questo può causare problemi alla salute cardiovascolare e può far aumentare il rischio di diabete. Secondo uno studio pubblicato qualche giorno fa su “Circulation”, il dito è puntato su tutta la carne rossa ma in particolar modo contro quella processata (pancetta, wurstel, salumi).

Secondo i ricercatori della Harvard Medical School, la quantità di grassi è praticamente identica nei due tipi di carni, processata e non processata (agnello, maiale, manzo), ma ciò che è diverso è la quantità di sale e di conservanti che vengono aggiunti a quella processata.

Cosa succede quindi? Il sale aumenta la pressione e studi animali hanno dimostrato che i nitrati usati nella conservazione della carne possono favorire l’aterosclerosi e ridurre la tolleranza al glucosio, con un aumento del rischio di problemi cardiaci e di diabete.

Secondo i risultati di ricerche effettuate su circa un milione di persone in 10 Paesi diversi, ogni 50 gr di carne rossa (in media) consumata al giorno, faceva registrare un incremento delle probabilità di riscontrare un disturbo coronarico del 42%, e il rischio di diabete del 19%.

Renata Micha, a capo della analisi, ha spiegato alla BBC che sebbene siano molti e diversi i fattori che influenzano lo sviluppo di queste patologie, soltanto la carne processata è risultata essere associata a un netto incremento del rischio.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Il caffè fa male ai reni?
Nutrizione

Il caffè non fa male ai reni se consumato con moderazione. L’assunzione eccessiva di caffeina, presente nel caffè e in altre bevande, può contribuire ad aumentare la pressione sanguigna, un fattore dannoso per la salute renale. Tuttavia, fino ad oggi, non ci sono prove scientifiche che suggeriscano una controindicazione al consumo moderato di caffeina (2-3 tazzine di caffè al giorno) per soggetti sani o con malattie renali. Con le dovute eccezioni in caso di anziani, bambini e non solo.