Benessereblog Salute Nanoparticelle al veleno di insetti, l’arma del futuro contro i tumori

Nanoparticelle al veleno di insetti, l’arma del futuro contro i tumori

Le sue tossine, inserite in nanoparticelle, colpiscono le cellule del cancro risparmiando quelle sane

Nanoparticelle al veleno di insetti, l’arma del futuro contro i tumori

Il veleno delle api, dei serpenti e degli scorpioni potrebbe rappresentare la base di partenza per sviluppare farmaci di nuova generazione contro i tumori in grado di bersagliare le cellule maligne risparmiando il resto dell’organismo. Gli esperti ne hanno discusso al 248mo Convegno Nazionale dell’American Chemical Society, dove è stata presentata una nuova tecnologia basata sull’uso di nanoparticelle come mezzo di trasporto per le tossine in grado di ridurre o addirittura eliminare i loro effetti collaterali sull’organismo.

Dipanjan Pan, ricercatore all’Università dell’Illinois di Urbana-Champaign, ha spiegato che alcune sostanze presenti del veleno di insetti come api e scorpioni, ma anche in quello dei serpenti, possono agire come antitumorali attaccando le membrane delle cellule cancerose e bloccando la crescita e la diffusione della malattia. Non è però pensabile iniettare direttamente il veleno in un paziente: fra i possibili effetti collaterali ci potrebbero essere, ad esempio, danni al cuore o ai nervi, coagulazione del sangue o, al contrario, emorragie.

Pan e colleghi sono però riusciti a sorpassare questo problema. “Abbiamo utilizzato in modo sicuro le tossine del veleno all’interno di sottili nanoparticelle per trattare le cellule di cancro al seno e di melanoma in laboratorio”, ha spiegato il ricercatore. “Queste particelle, che sono mascherate al sistema immunitario, portano la tossina direttamente alle cellule tumorali, risparmiando i tessuti sani”.

Nel caso del veleno delle api gli scienziati si sono concentrati sulla melittina, ottenendo nanoparticelle da cui la tossina non rischia di fuoriuscire una volta entrate nel circolo sanguigno. Il prossimo passo sarà sperimentare l’uso delle nanoparticelle nei ratti e nei maiali. Gli studi sui pazienti potrebbero invece iniziare nei prossimi 3-5 anni.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | American Chemical Society

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Carbone vegetale, a cosa serve
Corpo

Da rimedio anti-gonfiore, il carbone vegetale è oggi diventato un ingrediente per pane, maschere di bellezza e dentifrici: questo rimedio naturale è conosciuto da molto tempo come trattamento per ridurre il gas intestinale, ma il carbone vegetale può essere usato anche per trattare intossicazioni e altri disturbi. Il rimedio va assunto per non più di 7 giorni e solo in casi particolari.