Benessereblog Salute Morbillo nei bambini, nel 2013 i decessi superano quelli per Hiv e incidenti

Morbillo nei bambini, nel 2013 i decessi superano quelli per Hiv e incidenti

Morbillo nei bambini, nel 2013 i decessi superano quelli per Hiv e incidenti

Nel 2013 il morbillo nei bambini sotto i cinque anni ha provocato più morti di quante sono state causate dall’HIV o da incidenti di varia natura. Sono i dati resi noti dal Global Burden of Diseases, che ha calcolato che nel 2013 sono stati 82mila i morti per una malattia considerata poco pericolosa, tanto che sono molti i genitori che non fanno più vaccinare i loro piccoli contro la malattia esantematica tipica dell’infanzia.

Secondo l’elaborazione, pubblicata dal Washington Post con i dati del Global Burden of Diseases, il morbillo sarebbe la settima causa di morte globale sotto i cinque anni: prima vengono malattie come infezioni respiratorie, malaria, diarrea, carenze nutrizionali, difetti congeniti e meningite.

I bambini sotto i cinque anni rappresentano la metà dei morti totali per morbillo, malattia tipica dell’infanzia che in alcune zone del mondo raggiunge il 10% di mortalità. Recentemente anche a Berlino è stata registrata una vittima.

Secondo l’elaborazione, i dati potrebbe risultare più contenuti se si ricorresse maggiormente all’uso dei vaccini contro il morbillo, che nei paesi occidentali ha subito un netto calo, proprio perché la malattia, grazie alla vaccinazione e all’immunizzazione di massa, non è più stata fonte di preoccupazione. Negli Usa fece scalpore il caso di Disneyland, con una vera e propria epidemia nata da un solo caso di bambino affetto, che ha provocato moltissimi contagi tra i visitatori della struttura.

L’articolo ricorda:

Vaccinare un bambino costa circa un dollaro ma un singolo caso negli Usa ne costa 11mila di trattamenti.

Via | Ansa

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social