Benessereblog Salute Terapie e Cure Morbillo: 1334 casi in Italia nel 2019, l’87% non è vaccinato

Morbillo: 1334 casi in Italia nel 2019, l’87% non è vaccinato

Morbillo: 1334 casi in Italia nel 2019, l’87% non è vaccinato

Il primo semestre del 2019 ha cotanto in Italia 1334 casi di morbillo. Questi i dati secondo il Dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità: l’87% delle persone contagiate non erano vaccinate. Nel 31% dei casi, i pazienti hanno sviluppato almeno una complicanza e sono stati segnalati 80 casi tra operatori sanitari, mentre 36 sono stati quelli tra gli operatori scolastici.

Sono stati 214 solo nel mese di giugno e l’unica regione in cui non sono stati segnalati casi di morbillo è la Basilicata, mentre quella più colpita è il Lazio, seguita da Lombardia e Emilia Romagna. L’incidenza nazionale è pari a 44,1 casi per milione di abitanti, mentre l’età media dei pazienti coinvolti è di 30 anni. L’incidenza più elevata, però, si è verificata nella fascia 0-4 anni.

Un problema grave, secondo il Ministero della salute, è il mancato raggiungimento dell’obiettivo vaccinale del 95% (necessario per garantire immunità di gregge ed evitare la circolazione della malattia) per la vaccinazione contro morbillo-parotite-rosolia, in tutte le fasce d’età considerate, nonostante il trend in aumento registrato. I numeri parlano di aumento del 1,38% rispetto al 2017, ma il totale dei vaccinati arriva così al 93,2%.

Se poi ci soffermiamo sulla rosolia, si scopre che nei primi sei mesi del 2019 ci sono stati 16 casi segnalati in nove Regioni. In questo caso l’età media è 27 anni.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social