Benessereblog Alimentazione Miele, il 75% riporta contaminazioni da pesticidi

Miele, il 75% riporta contaminazioni da pesticidi

Una recente ricerca ha scoperto che il 75% del miele è contaminato da pesticidi.

Miele, il 75% riporta contaminazioni da pesticidi

Un recente studio pubbblicato su Science e condotto da un team di ricercatori guidati da Edward A. D. Mitchell dell’University of Neuchâtel, in Svizzera, ha scoperto che il 75% dei campioni di miele che sono stati analizzati è contaminato da pesticidi neonicotinoidi. Le concentrazioni rilevate sono comunque inferiori alla quantità massima autorizzata dall’Unione Europea per il consumo umano.

Gli esperti, però, sollevano dubbi sulle conseguenze di questa contaminazione da insetticida sulle api: l’uso di neonicotinoidi è una delle cause della lenta scomparsa di questo insetto.

I ricercatori hanno testato 198 campioni di miele per cinque neonicotinoidi tra i più usati (acetamiprid, clothianidin, imidacloprid, thiacloprid e thiamethoxam). I campioni provengono da ogni continente, a eccezione dell’Antartide, e in diverse isole. Il 75% dei campioni conteneva almeno un neonicotinoide: il 30% ne presentava uno, il 45 due o più e il 10 ne conteneva quattro o cinque. Concentrazioni più alte sono state trovate nei campioni europei, nordamericani e asiatici.

Se i campioni contenevano comunque quantità inferiori a quelle considerate pericolose per i prodotti umani, il 34% dei campioni di miele presentava concentrazioni così alte da essere sicuramente dannose per le api.

Via | adnkronos

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.