Benessereblog Alimentazione Mangiare noccioline in gravidanza migliora lo sviluppo neurologico del bambino

Mangiare noccioline in gravidanza migliora lo sviluppo neurologico del bambino

Mangiare noci e frutta secca in gravidanza migliora lo sviluppo neurologico del bambino. Ecco i risultati di un nuovo studio.

Mangiare noccioline in gravidanza migliora lo sviluppo neurologico del bambino

Sappiamo bene che mangiare noci e frutta secca può offrire una grande varietà di effetti benefici, come quello di ridurre il rischio di ipertensione, quello di stress ossidativo e di diabete, ma un nuovo studio condotto dal Barcelona Institute for Global Health (ISGlobal) rivela adesso che esiste un collegamento tra una dieta materna ricca di noci e frutta secca durante il primo trimestre di gravidanza, e un miglioramento del neurosviluppo nel bambino.

Lo studio è stato pubblicato sulle pagine dell’European Journal of Epidemiology, ed è stato condotto in Spagna su un campione di oltre 2.200 coppie di madri e bambini. Le informazioni sull’assunzione di frutta secca da parte delle mamme sono state ottenute dai questionari sulle abitudini alimentari, che le madri hanno completato durante il primo e l’ultimo trimestre della gravidanza, mentre lo sviluppo neuropsicologico dei bambini è stato valutato mediante test validi a livello internazionale, condotti a 18 mesi, 5 anni e a 8 anni dopo la nascita.

Ebbene, esaminando i dati gli esperti hanno scoperto che il gruppo di bambini le cui madri hanno mangiato più noci durante il primo trimestre di gravidanza hanno ottenuto i migliori risultati in tutti i test che valutavano la funzione cognitiva, la capacità di attenzione e la memoria di lavoro.

Il cervello subisce una serie di processi complessi durante la gestazione e questo significa che la nutrizione materna è un fattore determinante nello sviluppo cerebrale del feto, e può avere effetti a lungo termine

spiegano gli autori dello studio, i quali hanno preso in considerazione frutta secca come noci, mandorle, arachidi, pinoli e nocciole per la loro ricerca. Probabilmente gli effetti benefici osservati sono dovuti al fatto che questi alimenti forniscono alti livelli di acido folico e, in particolare, di acidi grassi essenziali come quelli omega-3 e omega-6. In media, le mamme i cui figli avevano ottenuto punteggi migliori assumevano poco meno di tre porzioni da 30g di frutta secca a settimana.

Dallo studio è inoltre emerso che il consumo di noci da parte delle madri durante il terzo trimestre di gravidanza non ha invece influenzato gli esiti neuropsicologici dei bambini, o se lo ha fatto, sono state riscontrate associazioni più deboli.

via | ScienceDaily
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quale attività fisica può praticare chi soffre di ernia del disco?
Fitness

L’ernia del disco viene definita come una fuoriuscita di materiale discale dai normali margini dello spazio del disco intervertebrale, che determina la comparsa di dolore, disturbi sensitivi e motori. Chi soffre di questo disturbo deve sapere che la migliore prevenzione delle alterazioni posturali del rachide è il movimento. Ma quale attività fisica può praticare in sicurezza chi soffre di questo disturbo? Lo abbiamo chiesto ad un ortopedico: ecco cosa ci ha detto.