Benessereblog Salute Mancanza di calcio negli adulti: le cure migliori e i sintomi da riconoscere

Mancanza di calcio negli adulti: le cure migliori e i sintomi da riconoscere

Il calcio è molto prezioso per la salute delle ossa e spesso una carenza può davvero dare degli effetti collaterali gravi e spiacevoli. Ecco i sintomi e come affrontare il problema.

Mancanza di calcio negli adulti: le cure migliori e i sintomi da riconoscere

Capita spesso che gli adulti abbiano una mancanza di calcio. Purtroppo i sintomi di questa carenza sono davvero molto banali (ma le conseguenze possono essere gravi) e a volte simili a quelli di altre patologie. Non è quindi facile la diagnosi. State attenti quindi all’insonnia e al nervosismo, così come alla presenza di crampi muscolari (spesso si pensa a un calo del potassio). Un altro elemento importante sono le carie nei denti e ovviamente la debolezza ossa.

Fratture, anche micro, ricorrenti, la presenza di osteoporosi, il rachitismo o la deformazione della colonna vertebrale sono sicuramente i sintomi più gravi, quelli che devono assolutamente destare il sospetto. Alcune persone possono anche avere problemi di pressione (ipertensione). Come si deve affrontare la carenza di calcio? Prima di tutto con la dieta.

È molto importante quindi avere un’alimentazione ricca e varia, che comprenda – compatibilmente con quella che è la propria salute – una dose di latticini quotidiana (lo yogurt magro, per esempio, fa molto bene), ma anche i legumi, tanta verdura. Esistono poi dei cibi addizionati con vitamina D, che si possono comprare in farmacia o nei supermercati.

Se poi la situazione è preoccupante il vostro medico dovrà provvedere a prescrivervi degli integratori a base di calcio (calcio gluconato, calcio lattato, calcio cloruro) o di vitamina D. Perché la vitamina D è importante? Aiuta l’assorbimento del calcio, il minerale principale di cui sono fatte le nostre ossa. Per stimolare la produzione di questa sostanza è molto importante anche esporsi un po’ al sole.

Foto| Flickr
Via| VivereMeglio

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quale attività fisica può praticare chi soffre di ernia del disco?
Fitness

L’ernia del disco viene definita come una fuoriuscita di materiale discale dai normali margini dello spazio del disco intervertebrale, che determina la comparsa di dolore, disturbi sensitivi e motori. Chi soffre di questo disturbo deve sapere che la migliore prevenzione delle alterazioni posturali del rachide è il movimento. Ma quale attività fisica può praticare in sicurezza chi soffre di questo disturbo? Lo abbiamo chiesto ad un ortopedico: ecco cosa ci ha detto.