Benessereblog Salute L’obesità aumenta il rischio di demenza

L’obesità aumenta il rischio di demenza

L’obesità aumenta il rischio di demenza. Lo conferma un nuovo studio.

L’obesità aumenta il rischio di demenza

L’obesità è collegata a un rischio maggiore di soffrire di demenza. A suggerirlo è uno studio condotto dai membri della University College London, secondo cui le persone con un indice di massa corporea elevato (BMI) hanno maggiori probabilità di soffrire di demenza rispetto a quelle con un peso normale. Per giungere a tale conclusione gli esperti hanno seguito un campione di 1,3 milioni di adulti, ed hanno valutato il loro peso e la loro altezza.

Durante un periodo di follow up di 38 anni, sarebbero stati registrati 6894 casi di demenza, ed esaminando i dati gli esperti avrebbero constatato che già 2 decenni prima un BMI elevato sarebbe stato associato a un maggiore rischio di soffrire di demenza. Nello specifico, ogni aumento di 5 punti del BMI era associato a un rischio del 16-33% maggiore di sviluppare questa condizione.

I ricercatori, il cui studio è stato pubblicato sulle pagine della rivista Alzheimer’s & Dementia, hanno anche scoperto che le persone in prossimità dello sviluppo della demenza tendono ad avere un peso corporeo inferiore rispetto a quello delle controparti che non svilupperanno tale condizione.

L’associazione BMI-demenza osservata in studi longitudinali sulla popolazione, come il nostro, è in realtà attribuibile a due processi.

spiegano gli autori dello studio

Uno è un effetto negativo del grasso corporeo in eccesso sul rischio di demenza, l’altro è la perdita di peso dovuta alla demenza preclinica, per cui le persone che sviluppano la demenza possono avere un indice di massa corporea superiore alla media circa 20 anni prima dell’insorgenza della demenza, ma vicino allo sviluppo della demenza palese hanno un BMI inferiore rispetto a coloro che rimangono sani.

via | ScienceDaily

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quale attività fisica può praticare chi soffre di ernia del disco?
Fitness

L’ernia del disco viene definita come una fuoriuscita di materiale discale dai normali margini dello spazio del disco intervertebrale, che determina la comparsa di dolore, disturbi sensitivi e motori. Chi soffre di questo disturbo deve sapere che la migliore prevenzione delle alterazioni posturali del rachide è il movimento. Ma quale attività fisica può praticare in sicurezza chi soffre di questo disturbo? Lo abbiamo chiesto ad un ortopedico: ecco cosa ci ha detto.