Benessereblog Salute Terapie e Cure Lipasi e amilasi alte, le cause e i valori di riferimento

Lipasi e amilasi alte, le cause e i valori di riferimento

Lipasi e amilasi sono due enzimi digestivi prodotti in buona parte dal pancreas, che se troppo elevati nel sangue possono essere spia di una qualche disfunzione. Scopriamo le cause e i valori di riferimento da considerare

Lipasi e amilasi alte, le cause e i valori di riferimento

Lipasi e amilasi sono due enzimi digestivi che in buona parte vengono secreti dal pancreas. Per questa ragione, quando i loro livelli ematici sono più elevati della norma, ciò legittima il medico a sospettare che vi sia un problema a carico di questa ghiandola, come ad esempio un’infiammazione (pancreatite), spesso scatenata da una calcolosi biliare.

La lipasi è l’enzima preposto al metabolismo (ovvero la scissione in elementi più semplici che possano essere assimilati dall’organismo attraverso il sangue) dei lipidi alimentari, in particolare dei trigliceridi, e viene attivata sia a livello orale che, soprattutto, gastro-intestinale.

L’amilasi, invece, è sempre un enzima digestivo che però si occupa della demolizione degli amidi, ovvero dei carboidrati. Anche se secreta in buona quantità già a livello orale (in particolare dalle ghiandole salivari), è soprattutto l’amilasi pancreatica che viene presa in considerazione quando si controlla la funzionalità delle ghiandole della digestione.

Analizzate insieme, lipasi e amilasi sono un buon indicatore dello stato di salute del pancreas, e vengono monitorate anche quando vi siano disturbi di origine biliare ed epatica. Come anticipato, la produzione pancreatica di questi due enzimi può essere compromessa da patologie e carico del fegato e dall’ostruzione dei dotti biliari a causa di calcoli della colecisti.

E’ la colecistite (infiammazione della cistifellea) da calcolosi, infatti, una delle cause più frequenti di pancreatite, acuta o cronica, una infiammazione del pancreas piuttosto grave che porta ad una iperproduzione di enzimi che finiscono per “digerire” l’organo stesso. I sintomi sono dolore addominale forte, malessere con nausea e vomito, disturbi intestinali, febbre.

La diarrea può essere un sintomo di problemi digestivi a carico del pancreas, e nel caso di una anomala produzione di lipasi, un altro tipico segno è la steatorrea, ovvero l’emissione di feci “grasse” (dall’aspetto lucido, come burroso, unto), dovuta proprio ad un cattivo metabolismo dei lipidi.

Quando entrambi i valori di lipasi e amilasi pancreatica siano elevati (amilasemia e lipasemia) in modo ricorrente, le patologie di cui questa disfunzione sia all’origine possono essere:

  • Pancreatite (la patologia che provoca il maggiore innalzamento dei livelli dei questi enzimi, fino a 50 volte oltre la norma)
  • Ostruzione intestinale
  • Insufficienza renale (perché una volta che abbiano svolto il loro ruolo, lipasi e amilasi vengono smaltite dai reni, ma se esiste un problema a questo livello, questi enzimi si accumuleranno nel sangue e nelle urine)
  • Ostruzione dei dotti biliari
  • Calcolosi biliare
  • Tumore al pancreas
  • Malattie del fegato

Vediamo, infine, i valori normali di lipasi e di amilasi da considerare come parametro:

  • Lipasi
    Individui adulti (maschi e femmine): intervallo compreso tra 0 e 50 UI/L
  • Amilasi
    Adulti (maschi e femmine) con meno di 50 anni: intervallo compreso tra 6 e 55 UI/L
    Adulti (maschi e femmine) over 50: intervallo compreso tra 6 e 63 UI/L

Foto| via Pinterest

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quale attività fisica può praticare chi soffre di ernia del disco?
Fitness

L’ernia del disco viene definita come una fuoriuscita di materiale discale dai normali margini dello spazio del disco intervertebrale, che determina la comparsa di dolore, disturbi sensitivi e motori. Chi soffre di questo disturbo deve sapere che la migliore prevenzione delle alterazioni posturali del rachide è il movimento. Ma quale attività fisica può praticare in sicurezza chi soffre di questo disturbo? Lo abbiamo chiesto ad un ortopedico: ecco cosa ci ha detto.