Benessereblog Salute L’impotenza è questione di geni?

L’impotenza è questione di geni?

L’impotenza potrebbe essere scritta nei geni. Ecco cosa rivela un nuovo studio.

L’impotenza è questione di geni?

Un nuovo studio condotto dai membri del Kaiser Permanente rivela che il problema dell’impotenza potrebbe essere scritto nei geni. Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista ‘Proceedings of the National Academy of Sciences‘, e segnala l’esistenza di un’area del genoma associata a un aumento del rischio di soffrire di disfunzione erettile, una condizione spiacevole, che spesso colpisce le persone di mezza età o gli anziani.

Fra le possibili cause della disfunzione erettile, gli esperti hanno spesso segnalato fattori neurologici, ormonali e vascolari, e le terapie per questa condizione sono spesso basate proprio su questi particolari fattori. Tuttavia, una percentuale non indifferente di pazienti non risponde a questi tipi di terapie.

Il nuovo studio spiega che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che alla base del problema vi è proprio la genetica, che influisce in circa un terzo dei casi di disfunzione erettile. Per esaminare meglio la questione, gli esperti hanno analizzato i dati di un campione di 36.648 uomini coinvolti nel programma di ricerca Kaiser Permanente su geni, ambiente e salute, ed hanno scoperto che delle variazioni in un punto del genoma (chiamato locus genetico), vicino al gene Sim1 sono associate a un rischio maggiore del 26% di disfunzione erettile, indipendentemente da altri fattori di rischio di impotenza, come ad esempio il BMI.

Si tratta di una scoperta entusiasmante

spiegano gli autori

perché apre la porta a indagini su nuove terapie genetiche. Il gene Sim1 è noto per essere parte di una via di segnalazione che svolge un ruolo centrale nella regolazione del peso corporeo e della funzione sessuale.

via | AdnKronos

Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Calcolo del ciclo delle mestruazioni: cose da sapere
Corpo

Monitorare il proprio ciclo mestruale può risultare molto utile, perché ci permette di capire cosa è “normale” per noi, quando avviene l’ovulazione, e ci aiuta a individuare cambiamenti importanti da non trascurare. Fare il calcolo del ciclo delle mestruazioni ci aiuta, in poche parole, a conoscere meglio il nostro corpo.