Benessereblog Salute Terapie e Cure Laserterapia: 5 cose da sapere

Laserterapia: 5 cose da sapere

La laserterapia è un particolare trattamento terapeutico che viene utilizzato in fisioterapia e che sfrutta i raggi laser per poter curare diverse patologie oltre che per ridurre eventuali dolori e per lenire l'infiammazione. Va prescritto dal medico, dopo attenta valutazione di un ortopedico o di un fisiatra. Si possono eseguire più sedute in diversi cicli. Ecco le cinque cose da sapere prima di sottoporsi a un trattamento di questo tipo

Laserterapia: 5 cose da sapere

La laserterapia è un trattamento terapeutico che viene utilizzato in fisioterapia e che sfrutta i raggi laser per poter curare tutta una serie di malattie, oltre che per ridurre eventuali dolori e per lenire l’infiammazione. La laserterapia antalgica è diversa da quella estetica, che si usa per poter rimuovere le macchie del viso o altri inestetismi della pelle. In questo caso si usa per poter curare e trattare diverse patologie e diversi disturbi. In caso di trattamento di laserterapia, quali sono le cose da sapere prima di sottoporsi alle sedute?

Quante sedute di laser terapia si possono fare?

Un trattamento di laserterapia può essere eseguito con cadenza giornaliera o un paio o tre volte a settimana, per cicli di 5-10 sedute ciascuno. Dopo il primo ciclo è già possibile ottenere buoni risultati, a seconda della patologia da trattare. Bisogna aspettare almeno una settimana, prima di poter avere visibili i benefici della laserterapia. Ovviamente i tempi dipenderanno da paziente a paziente, perché in ogni caso le reazioni possono essere più veloci o meno veloci.

Ogni seduta dura, normalmente, dai 10 ai 20 minuti, a seconda del motivo per cui si esegue la terapia. I cicli si possono anche ripetere a distanza di tempo.

Quando si fa la laserterapia?

La laserterapia si usa in presenza di diverse patologie. Si consiglia di chiedere al fisioterapista informazioni sul trattamento in caso di:

  • strappi muscolari
  • distorsioni ai legamenti
  • tendinite
  • malattie muscolo tendinee
  • ferite che fanno fatica a guarire
  • piaghe
  • ulcere
  • artralgia
  • gonalgia
  • ernia lombare
  • ernia cervicale
  • contusioni
  • lombalgia
  • cervicalgia
  • distorsioni articolari
  • artrosi
  • artrite
  • stiramenti

Il laser agisce in presenza di queste malattie, penetrando direttamente nei tessuti e attivando il microcircolo drenante, stimolando così la rigenerazione dei tessuti. L’infiammazione e il dolore si riducono, grazie all’effetto analgesico. Ma il laser aiuta anche in altri casi, per la più rapida cicatrizzazione dei tessuti lesionati o per ridurre ematomi e versamenti. È anche un ottimo trattamento drenante linfatico, oltre che decontratturante.

Chi può fare laserterapia?

Come già sottolineato in precedenza, la laserterapia in fisioterapia e medificina fisico-riabilitativa è consigliata a chi ha bisogno di un trattamento antalgico e antinfiammatorio. Si può usare in pazienti in riabilitazione dopo un intervento chirurgico, in caso di protesi, di ictus o di malattie da sovraccarico.

Tutte le terapie di questo tipo devono essere prescritte dal medico curante dopo attenta valutazione di uno specialista, come un ortopedico o un fisiatra. Non è consigliabile in caso di donne in dolce attesa, di neoplasie maligne diagnosticate o sospette, di epilessia.

laserterapia cose da sapere

Quanto costano 10 sedute di laser terapia?

I costi delle sedute di laser terapia dipendono molto dal centro dove si svolgono, dalla città, dalla modalità di applicazione del laser e da tanti altri fattori. I costi possono variare da 25 a 70 euro, con sconti di solito previsti negli ambulatori per chi fa più sedute consecutive.

Quanto dura l’effetto della laserterapia?

Il trattamento non è invasivo e non provoca dolore. Anzi, dà una piacevole sensazione di calore, in grado di stimolare diversi distretti dell’organismo, per favorire il processo di autoguarigione. Infiammazione e dolore iniziano a sentirsi con meno intensità fin da subito e per un massimo di 24 ore dalla fine del trattamento.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Granuloma ombelicale: cos’è e come si cura
Genitori e figli

Il granuloma ombelicale è un nodulo color rossastro, con dimensioni che possono andare da 1 millimetro a 1 centimetro, circa. Questo nodulo può apparire leggermente umido, arrossato e tondeggiante. Si forma tra le pieghe della pelle dell’ombelico e si può comodamente individuare durante la pulizia dello stesso dopo la caduta del moncone ombelicale. Diversi i rimedi utili: se non dovessero funzionare, si deve ricorrere all’asportazione chirurgica.