Benessereblog Salute I sintomi della lombalgia, le cure e gli esercizi

I sintomi della lombalgia, le cure e gli esercizi

Come riconoscere la lombalgia dai suoi sintomi e quali sono le terapie e l'attività fisica consigliate per questo disturbo.

I sintomi della lombalgia, le cure e gli esercizi

La lombalgia è un disturbo doloroso che colpisce la parte bassa della schiena nella zona lombare, da cui prende il nome: è uno dei fastidi più frequenti e comuni, tanto che colpisce quotidianamente migliaia di persone in modo più o meno intenso. È caratterizzata da un dolore che si concentra nell’area renale, tanto che la lombalgia (o lombaggine per alcuni medici) viene anche definita “mal di reni”.

Esistono due macroaree di differenziazione della lombalgia: nel caso di episodio sporadico e infrequente, come per il classico colpo della strega, si parla di lombalgia acuta, mentre per chi soffre di frequenti mal di schiena e sempre nella stessa parte si parla di lombalgia cronica.

I sintomi della lombalgia si riferiscono appunto a questa sensazione di dolore diffuso che si può irradiare con intensità variabile nella zona lombare e sacrale fino ad interessare, in alcuni casi, anche la parte superiore delle gambe (e si parla di lombosciatalgia, una sottocategoria della lombaggine).

Le cause principali della lombalgia stanno nella contrattura dei muscoli, che vengono sottoposti ad uno sforzo eccessivo o ad un movimento troppo veloce che non permette la corretta distensione del muscolo dopo la flessione iniziale. In questo modo si resta bloccati con la schiena e vittime di un dolore più o meno intenso.

Le cure migliori per la lombalgia stanno nel riposo e nell’assunzione di blandi antidolorifici FANS, ovvero antinfiammatorio non steroidei, per non sentire il dolore nella sua fase acuta; in caso di lombalgia forte il medico potrebbe anche prescrivere dei miorilassanti per aiutare la corretta distensione delle fasce muscolari interessate dalla contrattura. Un rimedio naturale molto quotato è l’artiglio del diavolo, che si può usare sia sotto forma di tisana sia con pomate locali da applicare sulla parte colpita.

Anche la fisioterapia, la manipolazione con tecniche apposite e l’elettrostimolazione con elettrodi a bassa frequenza possono aiutare a trattare la contrattura e a far superare la fase acuta del dolore lombare.

Fondamentali sono gli esercizi contro il colpo della strega che permettono di rafforzare la parte bassa della schiena e prevenire, in sostanza, nuovi episodi di lombalgia.

Nel caso della lombalgia cronica, poi, è importante verificare i problemi di postura del soggetto e correggere i difetti tramite apposita ginnastica posturale, che aiuterà ad eliminare il problema alla radice.

Via | Tantasalute

Foto | Flickr

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come combattere la sarcopenia
Malattie

Per combattere la sarcopenia, è fondamentale adottare un approccio multifattoriale. L’esercizio fisico regolare, che includa attività di resistenza e forza, stimola la crescita e mantiene la funzionalità muscolare. Una dieta bilanciata, ricca di proteine di alta qualità, vitamine e minerali, favorisce la sintesi proteica muscolare. Mantenere uno stile di vita attivo, evitando il sedentarismo, contribuisce a preservare la salute dei muscoli.