Benessereblog Alimentazione Cibi e bevande L’alcol causa 3 milioni di vittime l’anno

L’alcol causa 3 milioni di vittime l’anno

L’alcol causa 3 milioni di vittime l’anno

L’alcol è un problema che causa 3 milioni di morti ogni anno. Il problema nasce naturalmente dall’eccessivo consumo di bevande alcoliche, che a lungo andare può portare allo sviluppo di malattie gravi, che possono portare alla morte. Il problema dell’alcol è che, contrariamente a quanto avviene per le sigarette o – ancor più – per la droga, raramente si parla dei suoi effetti dannosi. Per questa ragione, come spiega in un appello Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms, è giunto adesso il momento di intervenire, in modo da prevenire efficacemente questa grave minaccia allo sviluppo di società sane.

All’alcol sono attribuibili decessi a causa di infortuni, incidenti, autolesionismo, disturbi dell’apparato intestinale, tumori, violenza e aggressività, malattie cardiovascolari e disturbi mentali.

Il problema è che nelle bottiglie che si acquistano al bar o al supermercato non sono riportati i rischi che potrebbe causare un eccessivo consumo di bevande alcoliche, o le quantità che non bisognerebbe superare, in base al sesso o all’età ad esempio. In teoria non servirebbe, perché i rischi li conosciamo tutti molto bene, ma ricordare regolarmente che bere troppo può danneggiare seriamente la nostra salute, potrebbe aiutare tutti a bere molto meno. Circa 237 milioni di uomini e 46 milioni di donne nel mondo soffrono di disturbi dovuti all’eccessivo consumo di alcol, con l’Europa in cima a una classifica ben poco gratificante.

L’Europa ha infatti il più alto consumo pro capite di alcol, in particolar modo per quanto riguarda i giovani: nel nostro continente arrivano al 44% i ragazzi fra i 15 e i 19 anni che consumano regolarmente bevande alcoliche. Ma come fare a ridurre l’entità di questo problema? A fornire alcuni possibili rimedi è Vladimir Poznyak, coordinatore dell’Unità Gestione dell’abuso di sostanze dell’Oms, che spiega:

Azioni efficaci comprendono l’aumento delle tasse sulle bevande alcoliche, restrizioni sulla pubblicità e la limitazione della disponibilità fisica di alcolici.

via | Ansa

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social