Benessereblog La sindrome respiratoria dei neonati causata da un gene appena scoperto

La sindrome respiratoria dei neonati causata da un gene appena scoperto

La sindrome respiratoria dei neonati causata da un gene appena scoperto

Alla base della sindrome respiratoria dei neonati ci sarebbe un gene, appena scoperto da un team di studiosi della Scuola di Medicina dell’Università di Washington. Alcuni bebè, dunque, sarebbero più inclini di altri a sviluppare determinati problemi alla respirazione, che potrebbero mettere a rischio la salute e la vita del nascituro. E tutto a causa di un gene.

Alla base della sindrome respiratoria dei neonati, dunque, un gene e alcune rare caratteristiche genetiche ereditate. Questi i dati resi noti dalla prima ricerca che ha individuato questo singolo gene, chiamato l’ABCA3. I ricercatori, infatti, hanno individuato una particolare associazione tra questo gene un numero abbastanza alto di casi di malattia respiratoria del neonato nato pretermine.

La sindrome respiratoria è una delle patologie più comuni che colpisce e compromette le vie respiratorie dei neonati. E non dimentichiamo nemmeno che si tratta della prima causa di morte dei bebè che non hanno ancora raggiunto un anno negli Stati Uniti d’America. E proprio qui è stato individuato questo gene, in un ricerca che è già stata pubblicata sulla rivista Pediatrics.

Il team di studiosi della Scuola di Medicina dell’Università di Washington, guidati da Jennifer Wambach, hanno così svelato un’importante correlazione, suggerendo che ci sono neonati più propensi geneticamente di altri a sviluppare tale sindrome:

Abbiamo scoperto che le mutazioni nel gene ABCA3 risultano associate a circa il dieci per cento dei casi di sindrome respiratoria dei bebè nati intorno alla data fissata per il termine della gravidanza. Si tratta di bimbi con sviluppi degli apparati respiratori e dei polmoni normali che però possono soffrire della sindrome a causa delle mutazioni del gene rilevate. Partendo dai risultati potremo in futuro ipotizzare la creazione di terapie mediche per agire sulla proteina anormale interna alle mutazioni che causa il disturbo.

Una ricerca molto importante, che deve essere sviluppata con cura!

Foto | Getty Images

Via | Agi

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social