Benessereblog Salute La cravatta riduce il flusso di sangue al cervello?

La cravatta riduce il flusso di sangue al cervello?

La cravatta stretta potrebbe ridurre il flusso di sangue al cervello. Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

La cravatta riduce il flusso di sangue al cervello?

La cravatta stretta potrebbe ridurre il flusso di sangue al cervello. A rivelarlo è un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’Ospedale universitario Schleswig-Holstein in Germania e pubblicato sulla rivista Neuroradiology, secondo cui comprimendo le vene del collo, coloro che indossano la cravatta potrebbero limitare appunto il flusso del sangue al cervello. Il fenomeno non è abbastanza grave da poter essere considerato rischioso per la salute per la maggior parte delle persone, ma potrebbe causare problemi a coloro che sono già a rischio di problemi di pressione sanguigna, come i fumatori o gli anziani.

Per il loro studio, gli esperti hanno usato delle scansioni MRI, ed hanno analizzato 15 volontari maschi che indossavano cravatte strette al punto da provare un “leggero disagio”, e 15 volontari maschi che non indossavano alcuna cravatta.

Il flusso di sangue cerebrale sarebbe risultato ridotto del 7,5% negli uomini che indossavano una cravatta, mentre non si sarebbe registrata alcuna alterazione nei membri del gruppo di controllo. La differenza è probabilmente causata dalla pressione extra della cravatta, che schiaccia i vasi sanguigni. La buona notizia è che il flusso di sangue del resto del corpo non risulta essere influenzato in nessuno dei due gruppi.

È improbabile che una riduzione del 7,5% causi sintomi evidenti

spiegano gli autori dello studio, i quali sottolineano però che le persone che hanno già problemi alla circolazione del sangue – i fumatori, gli anziani, quelli con la pressione alta ad esempio – potrebbero correre un rischio maggiore, e potrebbero soffrire di mal di testa, vertigini e nausea.


via | ScienceAlert
Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.