Benessereblog Salute Malattie Influenza, sempre più vicino il vaccino universale grazie ai lama e ai cammelli

Influenza, sempre più vicino il vaccino universale grazie ai lama e ai cammelli

Grazie agli anticorpi prodotti dai camelidi, la famiglia a cui appartengono cammelli, dromedari, lama, alpaca e altri, si sta elaborando un vaccino universale contro l’influenza.

Influenza, sempre più vicino il vaccino universale grazie ai lama e ai cammelli

Non è solo un obiettivo a lungo termine. Il vaccino universale contro l’influenza è stato elaborato e si basa su un anticorpo scoperto in cammelli, dromedari e lama. È uno spray nasale che nei primi test condotti sui topi ha dimostrato di combattere con successo i virus influenzali di tipo A e B, i due principali responsabili della malattia negli esseri umani.

Attualmente è allo studio dagli esperti dell’istituto californiano Scripps e il lavoro condotto è stato pubblicato sulla rivista Science: il vaccino funziona come una sorta di coltellino svizzero in miniatura, teoricamente in grado di attaccare 60 diverse varianti dell’influenza. Alberto Mantovani, direttore scientifico dell’istituto clinico Humanitas e professore all’Humanitas University, ha così commentato all’Ansa:

“L’influenza rappresenta un grave problema di salute e paghiamo a caro prezzo la bassa copertura vaccinale, soprattutto dei soggetti più a rischio. I colleghi che conducono ricerche sugli anticorpi presenti in specie animali particolari come queste stipulano un’assicurazione sulla vita per l’umanità, perché questi studi permetteranno di combattere anche minacce future, che al momento non si possono prevedere”.

I ricercatori guidati da Nick Laursen sta costruendo un vaccino con una logica nuova, perché il virus dell’influenza continua a modificarsi. Deve aggregare insieme in un unico anticorpo “multiuso” tante strutture di anticorpi diverse, riuscendo contemporaneamente a ridurre le dimensioni della proteina fino a scala nanometrica.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Oggi è la Giornata Internazionale della Malattia di Chagas
Malattie

Oggi ricorre la Giornata Internazionale della Malattia di Chagas, una giornata di sensibilizzazione che mira a far conoscere questa pericolosa infezione. La malattia di Chagas, anche nota con il nome di tripanosomiasi americana, è molto diffusa nei Paesi dell’America Latina, ma rappresenta sempre più un problema di portata globale. Vediamo come avviene il contagio e quali sono gli obiettivi del World Chagas Disease Day 2023.