Benessereblog Salute Il tracoma dell’occhio: sintomi, diagnosi e terapia

Il tracoma dell’occhio: sintomi, diagnosi e terapia

Il Tracoma dell’occhio è un’infezione che non deve essere sottovalutata. Ecco quali sono i sintomi, le cause ed il trattamento più indicato.

Il tracoma dell’occhio: sintomi, diagnosi e terapia

Guarda la galleria: Sintomi, cause e cure per il tracoma dell’occhio

Il Tracoma dell’occhio è una condizione che interessa l’occhio, una condizione provocata da un’infezione batterica, che in un primo momento può non dare segnali evidenti, ma che si aggrava progressivamente nel corso del tempo. La diffusione di tale malattia avviene mediante il contatto con le persone infette, e nello specifico mediante il contatto con occhi, palpebre, naso, gola o secrezioni.

Se, come abbiamo detto, in un primo momento il tracoma può non dare alcun segno o sintomo evidente, con il passare del tempo il paziente noterà sintomi come prurito e irritazione degli occhi, formazione di muco o pus che cola dagli occhi, dolore agli occhi, vista offuscata, cicatrizzazione della cornea e – nei casi più gravi – anche cecità.

La causa del tracoma dell’occhio va ricercata in alcuni sottotipi della Chlamydia trachomatis, ed il rischio di contagio aumenta considerevolmente in caso di scarsa igiene, condivisione dello stesso asciugamano con soggetti infetti e accesso all’acqua difficoltoso.

Il trattamento del tracoma varia in base alla situazione specifica del paziente. Il trattamento farmacologico prevede la somministrazione di antibiotici, mentre nel caso in cui lo stadio della malattia dovesse essere più avanzato, sarà richiesto l’intervento chirurgico, che servirà ad arginare la formazione di cicatrici corneali ed a migliorare la vista del paziente.

Se diagnosticato e curato in maniera precoce e tempestiva, ovvero prima che la malattia sia giunta agli stadi più avanzati, la prognosi per il tracoma dell’occhio è molto positiva.

via | Informazioni Mediche

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.