Benessereblog Salute Il te verde protegge anche la salute del cuore

Il te verde protegge anche la salute del cuore

Il tè verde migliora anche la salute del cuore. Ecco cosa rivela un nuovo studio.

Il te verde protegge anche la salute del cuore

Il tè verde potrebbe ridurre il rischio di aterosclerosi, una causa comune di infarti e ictus. A suggerirlo è un nuovo studio, secondo cui una molecola che si trova in questa benefica bevanda potrebbe dunque proteggere la salute del cuore. Alcuni fattori di rischio per l’aterosclerosi sono ben noti, e includono sovrappeso, diabete e ipertensione o livelli di colesterolo.

Il tè verde contiene tuttavia numerosi composti benefici, che possono innescare dei processi in grado di proteggere la nostra salute. Uno di questi è l’epigallocatechina-3-gallato (EGCG), che si trova nel tè nero e bianco, ma è più abbondante nelle foglie essiccate del tè verde.

Gli scienziati hanno dimostrato che questo composto è in grado di legarsi all’apolipoproteina A-1 (apoA-1), innescando un’azione demolitiva sulle placche proteiche (fattore che la rende particolarmente interessante per gli studi sull’Alzheimer, in relazione alle placche cerebrali di sostanza beta-amiloide). I ricercatori della Lancaster University e dell’Università di Leeds hanno adesso cercato di scoprire l’eventuale efficacia dell’EGCG nel ridurre il rischio di aterosclerosi.

Nell’aterosclerosi, apoA-1 si attacca infatti alle placche, rendendole più grandi e limitando ulteriormente il flusso sanguigno. Come sperato, gli esperti hanno scoperto che, in presenza di eparina, l’EGCG ha un’azione demolitiva sulle placche che si formano sulle pareti dei vasi sanguigni. Le molecole apoA-1 vengono convertite in molecole più piccole e più solubili, che hanno meno probabilità di limitare il flusso sanguigno.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sul Journal of Biological Chemistry.

via | MedicalNewsToday, Ansa

Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quale attività fisica può praticare chi soffre di ernia del disco?
Fitness

L’ernia del disco viene definita come una fuoriuscita di materiale discale dai normali margini dello spazio del disco intervertebrale, che determina la comparsa di dolore, disturbi sensitivi e motori. Chi soffre di questo disturbo deve sapere che la migliore prevenzione delle alterazioni posturali del rachide è il movimento. Ma quale attività fisica può praticare in sicurezza chi soffre di questo disturbo? Lo abbiamo chiesto ad un ortopedico: ecco cosa ci ha detto.