Benessereblog Salute Ictus: meno rischi per le donne che mangiano verdure

Ictus: meno rischi per le donne che mangiano verdure

Mangiare verdure riduce il rischio di ictus nelle donne. Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Ictus: meno rischi per le donne che mangiano verdure

Mangiare verdure riduce il rischio di ictus nelle donne. Nello specifico, broccoli, cavolfiori e cavoletti di Bruxelles sembrerebbero essere dei grandi alleati per la salute del cuore. Coloro che mangiano tre o più porzioni di qualsiasi tipo di queste verdure ogni giorno presentano infatti dei vasi sanguigni molto più sani rispetto a chi non mangia questi alimenti con la giusta regolarità. Lo studio ha anche scoperto che le verdure crucifere sono particolarmente utili, in particolar modo broccoli, cavolfiori, cavoli, rape, germogli, bok choi e verdure.

Per giungere a questa conclusione gli esperti hanno esaminato lo spessore delle arterie carotidi. Se questo è elevato, può infatti limitare il flusso di sangue al cervello e aumentare il rischio di ictus. Per il loro studio gli esperti hanno condotto dei questionari alimentari su un campione di 954 donne over 70, dopodiché hanno eseguito dei test a ultrasuoni per misurare lo spessore delle loro arterie carotidi, dai quali sarebbe emerso che le carotidi delle donne che mangiavano tre o più porzioni di verdura al giorno erano 0,05 mm più sottili di quelle che non ne mangiavano.

Anche se potreste pensare che si tratti di una differenza minima, ridurre lo spessore di appena 0,1 mm può già abbassare il rischio di ictus in maniera significativa.

Le linee guida dietetiche

spiegano gli esperti alla luce di quanto emerso

dovrebbero evidenziare l’importanza di aumentare il consumo di verdure crocifere per proteggersi dalle malattie vascolari.


via | DailyMail
Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Meningite: 9 sintomi da conoscere e non sottovalutare
Malattie

La meningite è un’infiammazione che interessa le membrane che proteggono e circondano il cervello e il midollo spinale, ovvero le cosiddette meningi. Tra i primi sintomi, rientrano la sonnolenza, un forte mal di testa e la mancanza di appetito. Si aggiungono poi febbre alta, sensibilità alla luce e ai rumori forti.