Benessereblog Salute Malattie I sintomi iniziali del Parkinson e la diagnosi

I sintomi iniziali del Parkinson e la diagnosi

Sono tanti i sintomi iniziali del Parkinson, anche se spesso non sono facili da individuare, perché rappresentano dettagli che possono sembrare quasi insignificanti. Ecco i campanellini d’allarme da tenere sempre ben presenti.

I sintomi iniziali del Parkinson e la diagnosi


Il Parkinson spesso si manifesta molto prima che la malattia si palesi completamente e lo fa con piccoli sintomi inziali, un po’ subdoli perché difficili da comprendere. Aiutandoci con un vademecum, pubblicato sul sito internet Parkinson Italia, Confederazione associazioni italiane Parkinson e Parkinsonismi (onlus), abbiamo individuato ben 10 sintomi.

Il primo è la perdita del senso dell’olfatto e in parte anche del gusto, decisamente evidente soprattutto in quelle persone che hanno sempre avuto un naso raffinato. Poi ci sono i disturbi del sonno (aggiungiamo anche la sindrome delle gambe senza riposo e l’apnea notturna). Il terzo campanellino d’allarme è la costipazione e i problemi intestinali e della vescica. Purtroppo, il Parkinson può influenzare il sistema nervoso autonomo, che regola l’attività dei muscoli lisci come quelli che lavorano nelle viscere e della vescica, rallentando i processi digestivi.

Il sintomo numero quattro è la mancanza di espressione facciale. In questo caso, allo stadio iniziale della malattia, i cambiamenti sono lievi e davvero complicati da avvertire. Poi è da tenere controllato il dolore al collo persistente, molto diffuso nelle donne. Per alcune persone si presenta come una sorta di torpore o di formicolio. Il sintomo numero sei è una scrittura lenta e molto stretta. È importante anche osservare i cambiamenti del tono della voce e delle parole, così come le braccia che non riescono a oscillare liberamento.

Tra le prime avvisaglie ci può essere la sudorazione eccessiva, anche in assenza di calore o di ansia. Infine, i cambiamenti di umore e di personalità. Alcuni studi dimostrano che depressione, in chi non l’ha mai avuta, può essere un sintomo.

Via | Parkinson Italia

Foto | Flickr

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.