Benessereblog Salute Malattie I sintomi dell’infarto negli uomini e cosa fare alla loro comparsa

I sintomi dell’infarto negli uomini e cosa fare alla loro comparsa

Quali sono i sintomi dell’infarto negli uomini? Ecco spiegati tutti i segnali che ci possono indurre a pensare che c'è qualcosa che non va e cosa fare per poter cercare di intervenire con le mosse giuste il prima possibile.

I sintomi dell’infarto negli uomini e cosa fare alla loro comparsa

I sintomi dell’infarto negli uomini sono chiari e si manifestano quando il flusso di sangue diretto ad una parte del muscolo di blocca all’improvviso. L’intervento in caso di infarto deve essere tempestivo, per scongiurare il peggio e permettere alla persona colpita di rimettersi in forma. Prima si riconoscono i sintomi dell’infarto, prima si possono chiamare i soccorsi e meglio sarà per tutti.

L’infarto, che colpisce maggiormente soggetti a rischio come i fumatori, i pazienti che soffrono di pressione alta, di livelli alti di colesterolo nel sangue, chi pratica poca attività sportiva, chi soffre di diabete, stress, obesità, chi assume troppo alcol e chi ha una storia famigliare di infarto, si manifesta con sintomi e segnali ben precisi, da non sottovalutare mai.

I sintomi dell’infarto sono diversi e il più comune è il dolore e il fastidio al petto, accompagnati da dolore o formicolio al braccio sinistro. Altri sintomi sono fitte al cuore, dolori, senso di gonfiore, dolore alla spalla, al braccio, alla schiena, ma anche ai denti e alla mandibola, dolori nella parte superiore dell’addome e al torace, mancanza di respiro e di fiato, sudorazione, affaticamente, svenimento e persino nausea e vomito.

I sintomi dell’infarto negli uomini sono un po’ diversi rispetto a quelli delle donne, perché queste ultime possono lamentare anche bruciore di stomaco, cute umida, stordimento, capogiri. Ci sono persone che prima di un infarto non avvertono tutti i sintomi o non ne avvertono nemmeno uno, mentre altri infarti compaiono improvvisamente. Chi è già stato colpito in precedenza potrebbe riconoscere i sintomi dell’infarto addirittura con giorni di anticipo.

Se notate uno o più di questi sintomi, chiamate subito un dottore o un’ambulanza: ogni minuto è prezioso.

Via | Farmacoecura

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Si può usare il retinolo in gravidanza?
Gravidanza

E’ possibile utilizzare cosmetici con retinolo in gravidanza? Molte future mamme alle prese con discromie, acne e altri problemi cutanei potrebbero porsi questa domanda. La risposta breve è che, durante la gravidanza, è meglio evitare il retinolo e, ancor più, i retinoidi, e optare per alternative sicure per la mamma e per il bambino.