Benessereblog Salute I sintomi del tumore all’ovaio, la diagnosi e la terapia

I sintomi del tumore all’ovaio, la diagnosi e la terapia

Il tumore all’ovaio è causato dalla proliferazione incontrollata di cellule epiteliali. In Italia quasi 5mila donne l’anno si ammalano. Quali sono i sintomi e come si può curare?

I sintomi del tumore all’ovaio, la diagnosi e la terapia

Il tumore all’ovaio, purtroppo, non dà sintomi particolari almeno fino a quando non ha raggiunto dimensioni importanti. Questo dettaglio è fondamentale, perché è molto difficile la diagnosi considerando solo lo stato di salute della donna. È comunque importante che le signore facciano molta attenzione a tre indicatori: addome gonfio, aerofagia, bisogno di urinare frequente.

Secondo i ricercatori, questi tre sintomi spesso vengono sottovalutati o correlati ad altri problemi, ma sono strettamente correlati al cancro. Attenzione, la modalità con cui si presentano deve essere grave e improvvisa. A questi disturbi vanno anche aggiunti la sensazione di sazietà e al tempo stesso di stomaco vuoto, che possono sembrare stati contraddittori ma che vanno di pari passo nella sintomatologia.

Come si può diagnosticare? Prima cosa un esame pelvico: il ginecologo dovrebbe provvedere alla palpazione dell’addome e a una visita interna. È utile fare poi un’ecografia interna (possibilmente con un marcatore) per verificare lo stato delle ovaie e ovviamente le relative dimensioni. Tra gli esami diagnostici più importanti, ci sono la Tac all’addome, il clisma opaco con bario e la risonanza magnetica.

Come s’interviene? Il tumore va rimosso con intervento chirurgico. Nella maggior parte dei casi e soprattutto nelle neoplasie più gravi, si consiglia un ciclo di chemioterapia. Non viene quasi mai consigliata la radioterapia.

Tutte le volte che affrontiamo il tema cancro è normale anche parlare di prevenzione. Purtroppo non ci sono degli screening affidabili per questa forma tumorale: l’unico modo che le donne hanno di difendersi è quello di andare puntuali, una volta l’anno, dal ginecologo per una visita completa. Secondo il Registro dei Tumori, il cancro alle ovaie colpisce circa 4.490 donne ogni anno.

Via | Airc
Foto | Pinterest

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quale attività fisica può praticare chi soffre di ernia del disco?
Fitness

L’ernia del disco viene definita come una fuoriuscita di materiale discale dai normali margini dello spazio del disco intervertebrale, che determina la comparsa di dolore, disturbi sensitivi e motori. Chi soffre di questo disturbo deve sapere che la migliore prevenzione delle alterazioni posturali del rachide è il movimento. Ma quale attività fisica può praticare in sicurezza chi soffre di questo disturbo? Lo abbiamo chiesto ad un ortopedico: ecco cosa ci ha detto.