Benessereblog Salute Gravidanza: mangiare troppi grassi può favorire il diabete nel neonato

Gravidanza: mangiare troppi grassi può favorire il diabete nel neonato

Una dieta ipercalorica e con troppi grassi in gravidanza può favorire lo sviluppo del diabete nel neonato, meglio non esagerare

Gravidanza: mangiare troppi grassi può favorire il diabete nel neonato


Quante volte abbiamo sentito (o detto) la frase “lasciala perdere deve mangiare per due” per giustificare gli apparenti eccessi nell’alimentazione delle donne in gravidanza? Che le donne in dolce attesa abbiano bisogno di un maggior apporto calorico è fuori di dubbio, ma le circa 200 kcal necessarie in surplus rispetto alla normale alimentazione non giustificano abbuffate che oltre a poter essere dannose per la salute della donna potrebbero danneggiare il feto.

Secondo Yuan-Xiang Pan dell’University of Illinois, autore di una ricerca i cui risultati sono stati pubblicati dal Journal of Physiology, anche se la mamma del nascituro non è obesa né diabetica una dieta ricca di grassi potrebbe favorire il sorgere di una patologia diabetica durante lo sviluppo del feto. Il ricercatore sostiene che:

Abbiamo scoperto che l’esposizione a una dieta ad alto contenuto di grassi prima della nascita arriva a modificare l’espressione dei geni nel fegato del nascituro, rendendolo più propenso alla sovrapproduzione di glucosio. Questo meccanismo può causare insulino-resistenza e diabete precoce nel bambino.

Lo studio è stato condotto sui topi e ha dimostrato come, dopo una dieta ricca di grassi, anche le topoline senza problemi di peso pregressi avevano dato alla luce dei piccoli con alti livelli di zucchero nel sangue, livelli doppi rispetto al gruppo di controllo che era stato sottoposto ad una dieta bilanciata.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Meningite: 9 sintomi da conoscere e non sottovalutare
Malattie

La meningite è un’infiammazione che interessa le membrane che proteggono e circondano il cervello e il midollo spinale, ovvero le cosiddette meningi. Tra i primi sintomi, rientrano la sonnolenza, un forte mal di testa e la mancanza di appetito. Si aggiungono poi febbre alta, sensibilità alla luce e ai rumori forti.