Benessereblog Salute Gran Canaria: 13 turisti con batterio resistente agli antibiotici, rischio epidemia

Gran Canaria: 13 turisti con batterio resistente agli antibiotici, rischio epidemia

Si contano 13 turisti europei ad aver contratto alle Canarie un batterio resistente agli antibiotici. L’Ecdc diffonde l’allerta epidemia.

Gran Canaria: 13 turisti con batterio resistente agli antibiotici, rischio epidemia

Ci sono 13 persone svedesi e norvegesi, che tra gennaio e aprile, hanno contratto un batterio resistente agli antibiotici, durante un loro ricovero nell’ospedale di Gran Canaria, nelle isole Canarie. A darne notizia è il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc), che spiega anche come vi sia un alto rischio che questo batterio si diffonda in Europa una volta che i turisti tornino e vengano ricoverati negli ospedali del loro paese d’origine e non siano prese le necessarie misure di prevenzione.

Il protagonista di questa infezione è il batterio Klebsiella pneumoniae St392 e si contrae proprio nelle strutture sanitarie. L’Ecdc fa sapere che le possibilità di essere contagiati sono molto basse se non viene ricoverati per altri motivi o non si fa visita all’ospedale. Il problema è se il viaggiatore contrae il batterio e non lo sa: in questo il rischio che si diffonda è elevato.

Purtroppo, Gran Canaria è un’isola estremamente turistica (più di 15 milioni stranieri solo nel 2016), ne consegue che le possibilità di un’epidemia che si diffonda in Europa non è così improbabile. L’Ecdc suggerisce agli ospedali di tutti i paesi europei di verificare, al momento del ricovero, dove hanno viaggiato e dove sono stati ricoverati prima i pazienti. Tutti coloro che sono stati trasferiti direttamente o sono stati ricoverati in un paese straniero nei 12 precedenti il ricovero nel paese d’origine devono essere controllati per questo batterio. È l’unico modo per arginare un’eventuale epidemia.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Calcolo del ciclo delle mestruazioni: cose da sapere
Corpo

Monitorare il proprio ciclo mestruale può risultare molto utile, perché ci permette di capire cosa è “normale” per noi, quando avviene l’ovulazione, e ci aiuta a individuare cambiamenti importanti da non trascurare. Fare il calcolo del ciclo delle mestruazioni ci aiuta, in poche parole, a conoscere meglio il nostro corpo.