Benessereblog Alimentazione Go Bananas Every Day: una banana al giorno per tutto il 2012

Go Bananas Every Day: una banana al giorno per tutto il 2012

Una campagna pro-banane arriva dagli States: 365 consigli e curiosità su come mangiare le banane.

Go Bananas Every Day: una banana al giorno per tutto il 2012

La banana piace a tutti, ed è forse il frutto più versatile. E’ utile per le proprietà salutari, gustoso, economico e comodo da portare con sè per uno spuntino al volo. Il frutto giallo e oblungo è molto nutriente e contiene vitamine e sali minerali tra cui potassio, vitamina B6, vitamina C, fibre. E aiuta anche la digestione grazie all’inulina, che aiuta il transito intestinale e il potassio che stimola la contrazione muscolare del tratto intestinale.

Allora perché non trasformarle in un obiettivo da raggiungere nel corso del 2012? Consumiamo una banana al giorno. E’ quello che consiglia Dole, il più grande fornitore al mondo di prodotti freschi e numero uno tra i marchi di banane negli States, che dall’inizio del mese ha lanciato una campagna intitolata “Go Bananas Every Day”.

Questa campagna è un’iniziativa nata per stimolare gli americani a considerare la banana un’abitudine quotidiana del 2012 ma anche una maniera per conoscere meglio il frutto e sfruttarlo almeno una volta al giorno. Dole e una squadra di dietisti, sul sito, offrono consigli quotidiani, ricette, promozioni, e curiosità. Se siete golosi di banane seguite Twitter e Facebook per ricevere una dritta quotidiana o settimanale sulle banane e chicche su chi le ama come voi (lo sapevate che il sandwich preferito di Elvis Presley era farcito con burro di arachidi e banane?).

Via | HealthLine

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Cosa deve e non deve mangiare chi ha l’anemia mediterranea
Malattie

Chi ha l’anemia mediterranea, anche in base alla gravità della patologia del sangue, che è ereditaria e può essere trasmessa ai propri figli, deve prestare massima attenzione agli alimenti ricchi di ferro, per evitare accumuli. Il ferro è presente in alimenti di tipo animale e di tipo vegetale, anche se l’assorbimento è maggiore nei primi rispetto ai secondi e varia anche in base alle condizioni di salute di ogni paziente.