Benessereblog Salute Corpo Gli effetti dannosi della cocaina sulle cellule del nostro cervello

Gli effetti dannosi della cocaina sulle cellule del nostro cervello

Come può la cocaina danneggiare il nostro cervello, diminuendo la nostra materia grigia

Gli effetti dannosi della cocaina sulle cellule del nostro cervello


Uno studio dell’Università di Cambridge ha scoperto che i consumatori abituali di cocaina ed altre droghe ad essa similari portano ad un elevato rischio di distruggere la materia grigia del cervello di chi le consuma, accelerando i processi di invecchiamento cerebrale. Studi precedenti avevano già scoperto come la cocaina mettesse a repentaglio sia le nostre cellule nervose che quelle cardiache.

Adesso, questi rischi sono stati messi a confronto con l’invecchiamento precoce del cervello; man mano che si invecchia, la nostra materia grigia perde colpi, seguendo un percorso che è, però, comunque naturale e graduale. Chi utilizza in maniera cronica la cocaina, invece, subisce un’accelerazione incondizionata di questo processo.

Per lo studio, sono state osservate circa 120 persone, con della stessa età, genere e quoziente intellettivo. Metà del gruppo aveva una forte dipendenza dalla cocaina; l’altra metà no. Durante le osservazioni del primo gruppo, si è visto che la perdita di materia grigia corrispondeva a circa 3,8 ml di volume per ogni anno, che corrispondeva a circa 2 volte la perdita in un soggetto sano.

Via | Dailymail
Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.