Benessereblog Salute Gli adolescenti leggono troppo poco?

Gli adolescenti leggono troppo poco?

Gli adolescenti leggono troppo poco?

Non riuscite a ricordare quando è stata l’ultima volta che avete visto un adolescente leggere un libro? Non siete i soli! Negli ultimi anni, meno del 20% degli adolescenti in America ha dichiarato di leggere quotidianamente un libro, una rivista o un quotidiano, mentre oltre l’80% ha dichiarato di utilizzare i social media ogni giorno. Questo è uno dei dati emersi da una ricerca pubblicata dall’American Psychological Association, i cui autori spiegano che il tempo dedicato ai media digitali ha spodestato anche quello trascorso a godersi un libro o guardare la TV.

Per il nuovo studio, gli esperti hanno arruolato un campione di 50.000 studenti dell’ottavo, del decimo e del dodicesimo anno. Quindi, hanno esaminato i risultati di sondaggi compilati dal 1976 (dagli allora ragazzi adolescenti) al 2016, ed hanno constatato che l’uso dei media digitali è aumentato notevolmente dal 2006 al 2016. Il declino della lettura nei supporti di stampa è stato particolarmente pronunciato. All’inizio degli anni ’90, il 33% degli adolescenti diceva di leggere un quotidiano quasi tutti i giorni. Entro il 2016, quel numero era sceso al 2%. Alla fine degli anni ’70, il 60% dei dodicenni diceva di leggere un libro o una rivista quasi tutti i giorni, nel 2016, solo il 16% ha affermato lo stesso.

Anche se non in modo così drastico, anche film e televisione sono sempre meno seguiti dagli adolescenti di oggi.

I videoregistratori e i Blockbuster non hanno ucciso i film, ma apparentemente lo streaming video lo ha fatto

spiegano gli autori dello studio, i quali sono rimasti sorpresi dal fatto che neanche e-book e giornali on-line sembrano spingere i giovani a leggere di più.

È molto comodo leggere libri e riviste su dispositivi elettronici come i tablet, non serve andare alla cassetta delle lettere o in libreria, basta scaricare la rivista o il libro e iniziare a leggere, ma la lettura è ugualmente diminuita in modo precipitoso.

Detto ciò, gli esperti spiegano che il nuovo studio getta una nuova prospettiva sulla prossima generazione, mentre si avvicinano all’età universitaria.

Pensa a quanto sia difficile leggere anche cinque pagine di un libro di testo di 800 pagine quando sei abituato a passare la maggior parte del tempo a passare da un’attività digitale a un’altra in pochi secondi. Non c’è una mancanza di intelligenza tra i giovani,

 

spiegano gli autori dello studio

 

ma c’è meno esperienza di messa a fuoco per periodi di tempo più lunghi e per la lettura di testi più lunghi. Essere in grado di leggere un testo lungo è cruciale per la comprensione di problemi complessi e lo sviluppo di capacità di pensiero critico: le democrazie hanno bisogno di elettori informati e di cittadini coinvolti che possano pensare ai problemi, e ciò potrebbe essere più difficile per le persone di tutte le età, ora che le informazioni online sono la norma.

via | ScienceDaily
Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social