Benessereblog Salute Malattie 2 aprile, Giornata mondiale dell’autismo

2 aprile, Giornata mondiale dell’autismo

Oggi, 2 Aprile 2023, si celebra la Giornata mondiale dell’autismo, una giornata di sensibilizzazione che, oltre ad aumentare la consapevolezza in merito a questa condizione, mira a far sorgere una società che sia davvero inclusiva per tutti, senza distinzioni.

2 aprile, Giornata mondiale dell’autismo

Il 2 aprile di ogni anno ricorre una giornata molto importante, la Giornata Mondiale dell’Autismo, istituita per la prima volta nel 2007 ed oggi giunta alla sua sedicesima edizione. Il World Autism Awareness Day è un giorno dedicato all’inclusività e alla valorizzazione di tutte le persone, incluse quelle con Disturbo dello spettro autistico.

Con questo termine (Autism Spectrum Disorders, ASD) si indica un insieme di disturbi del neurosviluppo, una condizione che influenza significativamente le capacità sociali e comunicative della persona.

Secondo le statistiche, nel mondo sarebbero milioni i bambini e gli adulti con ASD. Si stima che, solo in Italia, 1 bambino su 77 presenti un disturbo dello spettro autistico, con una maggior prevalenza fra i bambini maschi rispetto alle femmine.

I sintomi di questa condizione possono variare significativamente da una persona all’altra, e ciò rende l’autismo un disturbo senz’altro arduo da identificare e da affrontare. Per questo motivo, è necessario progettare degli interventi personalizzati,  in grado di andare incontro ai bisogni specifici della singola persona.

Perché il 2 aprile è la Giornata mondiale dell’autismo?

Il 2 Aprile si celebra la Giornata Mondiale della Consapevolezza sull’autismo per un motivo ben preciso: aumentare la consapevolezza in merito a questa condizione.

Sempre più persone, oggi, sono coscienti di ciò che è l’autismo e di cosa possa rappresentare nella vita dei pazienti e dei loro familiari. Tuttavia, se dalla consapevolezza potessimo spostarci verso un piano di completa accettazione del prossimo, la società di certo ne trarrebbe grande giovamento, e ne trarrebbero grande vantaggio tutte le persone con disturbi dello spettro autistico.

Avere consapevolezza di una determinata situazione è di certo importante, ma il passetto in più che dovremmo compiere è quello di costruire una comunità che sia davvero inclusiva, in cui vi sia spazio per tutti, una comunità in cui sia chiaro, una volta per tutte, che siamo tutti diversi gli uni dagli altri, e che proprio per questo siamo tutti, nessuno escluso, straordinari.

Se riuscissimo a creare un mondo inclusivo, tutti noi ne trarremmo un enorme vantaggio.

Lo scopo della giornata Giornata della consapevolezza sull’autismo

La Giornata mondiale dell’autismo 2023 si pone dunque l’obiettivo di costruire, un pezzetto alla volta, questo tipo di società. Per farlo è necessario l’impegno di istituzioni e governi, ma non solo.

Ognuno di noi deve metterci un pezzettino di sé, un pezzettino del proprio tempo e del proprio impegno. La giornata di oggi serve a chiarire, una volta per tutte, che le persone con autismo devono poter vivere una vita scolastica, lavorativa e sociale soddisfacente. Devono poter frequentare scuole, università, corsi professionali, in modo da poter gettare le fondamenta per entrare nel mondo del lavoro e guadagnare la propria indipendenza.

Lo ha spiegato, nei giorni scorsi, l’associazione dei genitori di persone con autismo Angsa, che richiama l’attenzione sulla situazione in Italia riguardo i servizi offerti alle persone con autismo:

Siamo drammaticamente indietro rispetto ai bisogni reali. Spesso le politiche per l’autismo sono frammentate tra i vari soggetti pubblici producendo dispersione delle attività, inefficienza e sprechi nell’utilizzo delle risorse disponibili. Sulla carta le leggi italiane in materia sono tra le più avanzate, ma assai spesso restano sulla carta.

Quali sono i colori dell’autismo?

Fonte: Pixabay

Durante la giornata di oggi, probabilmente noterai che molti palazzi, scuole e monumenti sono “tinti” di blu. È proprio questo, infatti, il colore che simboleggia l’autismo.

Questo particolare colore è stato scelto dall’associazione Autism Speaks, che attraverso la sua campagna di sensibilizzazione “Light it Up Blue” invita tutti quanti a indossare abiti o accessori blu per aumentare la consapevolezza sull’autismo e stimolare un dialogo in merito a questa condizione.

Giornata mondiale dell’autismo: perché proprio il blu?

Ma perché l’azzurro è il colore dell’autismo? Come spesso accade, la scelta del colore non è affatto casuale. Il blu è un colore che evoca calma e serenità, un colore che richiama il concetto di accoglienza, in un mondo che, agli occhi di una persona con autismo, può spesso sembrare troppo frenetico, rumoroso e difficile da comprendere.

Gli eventi del 2 aprile, Giornata mondiale dell’autismo

Come tutti gli anni, anche nel 2023, in occasione della settimana dell’autismo, saranno organizzati numerosi eventi. Fra le iniziative in programma sono inclusi incontri di informazione e formazione per famiglie e caregiver, oltre a numerose altre attività in tutta Italia. Vediamone alcune.

Light It Up Blue 2023

Per favorire una maggiore consapevolezza in merito a questa condizione, i monumenti più importanti di tutto il mondo si illumineranno di blu nell’ambito della campagna “Light It Up Blue 2023”, organizzata dall’associazione internazionale Autism Speaks.

In Italia, molti edifici e palazzi si illumineranno di blu. Fra questi vi è anche l’ospedale di Teramo. A Palermo, invece, presso il Teatro Politeama Garibaldi, completamente azzurro per l’occasione, si terrà lo spettacolo dedicato alla Giornata mondiale dell’autismo e organizzato dall’Associazione Nazionale parlAutismo, che vedrà protagonisti ragazzi e ragazze pronti ad esibirsi in diverse performance. L’ingresso è gratuito.

Cinemautismo a Torino

Sempre in occasione della Giornata mondiale dell’autismo, a Torino torna “Cinemautismo”, rassegna cinematografica dedicata allo spettro autistico, ormai giunta alla sua quindicesima edizione.

La rassegna vedrà la proiezione del film “I mille cancelli di Filippo” di Adamo Antonacci, che narra la storia di Filippo Zoi, un ragazzo autistico di 25 anni che ama disegnare cancelli e portoni. Il film verrà commentato dal regista e dal padre di Filippo, Enrico Zoi.

L’evento si terrà presso il cinema “Greenwich Village” di Torino, con ingresso gratuito.

Gli appuntamenti di ANGSA Bologna

A Bologna, l’associazione ANGSA sarà presente alle 9 in Piazza Re di Renzo con tanti gadget e uova di Pasqua solidali per sostenere le attività dell’Associazione Nazionale Genitori di PerSone con Autismo.

In questa giornata, si terranno spettacoli ed esibizioni, oltre a un corteo serale che porterà all’accensione delle luci, rigorosamente blu, in Piazza Maggiore.

Run for Autism e Comin’Aut a Roma

A Roma, la Giornata mondiale dell’autismo si celebra insieme a 60 diverse associazioni provenienti da tutta Italia grazie al “Comin’Aut”, talk show organizzato da Giulia Parla onlus, Gruppo Asperger Lazio, Municipio VIII di Roma e l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù, il cui scopo primario è quello di portare la realtà dell’autismo fuori dai luoghi di cura, per raccontare la vera vita quotidiana di tanti ragazzi e ragazze e dei loro familiari.

L’evento avrà luogo domenica 2 Aprile a Roma, dalle 16 alle 19, presso il kitchen cocktail bar Latta Fermenti e Miscele. Per maggiori dettagli, visita la pagina Instagram giuliaparla_autismo.

Sempre a Roma, a partire dalle 9 in Piazza della Bocca della Verità, grazie a Progetto Filippide saranno distribuiti palloncini blu e avrà inizio la maratona non competitiva “Run for Autism“, una manifestazione sportiva inclusiva, che accoglierà persone con autismo e persone normotipiche.

È un’occasione per i nostri ragazzi autistici di correre e vivere una giornata di sport insieme a tutte le altre persone che vorranno correre e confrontarsi con loro.

Per maggiori informazioni, visita il sito www.runforautism.it.

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Occhio di pernice: rimedi e cure
Malattie

L’occhio di pernice è un problema comune che può causare fastidio e dolore ai piedi. Per trattare questo disturbo, è molto importante riuscire a individuarne le cause. I migliori rimedi per l’occhio di pernice dipenderanno dalle condizioni del paziente, e includono trattamenti ad azione topica, creme idratanti o, nei casi più gravi, un intervento di rimozione chirurgica.