Benessereblog Salute Fischio alle orecchie: cause e rimedi

Fischio alle orecchie: cause e rimedi

Fischio alle orecchie: cause e rimedi

Fonte immagine: Pixabay

Il fischio alle orecchie è un disturbo che molti sperimentano e che può avere diverse cause e rimedi. Noto anche come acufene, si verifica quando si avverte un ronzio o un lieve squillo in una o in entrambe le orecchie. Il rumore che si sente non è causato da un agente esterno: difatti, chi si trova intorno a noi in quel medesimo momento non lo avverte.

Ma perché si verifica tale disturbo e, soprattutto, è permanente o transitorio? Approfondiamo le principali cause ed i possibili trattamenti – anche naturali – per il fischio alle orecchie che, contrariamente a quanto si possa pensare, è un problema piuttosto comune, specie tra chi ha una certa età.

Cos’è il fischio alle orecchie

Come abbiamo detto, consiste nell’avvertire rumore nelle orecchie quando c’è intorno c’è silenzio: questo può manifestarsi in entrambe o solo in una e tramite ronzii, squilli, sibili o altri rumori non provenienti dall’esterno.

Non è, però, una malattia. Piuttosto, si tratta di un sintomo derivante da un altro disturbo che comunemente colpisce un’altra parte dell’orecchio o i suoi nervi.

Se l’acufene dura solo pochi secondi, non è necessariamente qualcosa di cui preoccuparsi. Se più frequente, invece, bisogna indagare le cause del ronzio alle orecchie.

Fischio alle orecchie: cause e rimedi
Fonte: Pixabay

Cause del fischio alle orecchie

Se vi state chiedendo cosa provoca il ronzio alle orecchie, solitamente proviene da un’altra condizione. Sebbene l’acufene sia spesso associato alla perdita dell’udito, non è esso stesso causa della perdita. Nella maggior parte dei casi è correlato all’età, ad una lesione all’orecchio o ad un problema con il sistema circolatorio.

Le cause più comuni del fischio continuo alle orecchie sono:

  • Perdita dell’udito. Il naturale processo di invecchiamento può causare il deterioramento di alcune parti dello stesso
  • Infezione all’orecchio o ostruzione del condotto uditivo (può trattarsi di un accumulo di liquidi, di cerume o altri materiali estranei. Eventuali ostruzioni possono modificare la pressione nell’orecchio, dando vita al ronzio.
  • Pressione bassa: il ronzio alle orecchie è un comune sintomo di tale disturbo.
  • Problemi al collo o alla mascella, come la sindrome dell’articolazione temporo-mandibolare
  • Lesioni alla testa o al collo. I traumi alla testa o al collo possono interessare l’orecchio interno, i nervi uditivi o le funzioni cerebrali legate all’udito
  • Otosclerosi, malattia dalla quale deriva l’irrigidimento delle ossa piccole – martello, incudine e staffa – nell’orecchio medio
  • Determinati farmaci possono causare o far peggiorare il ronzio nelle orecchie. Si tratta dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e alcuni antibiotici, farmaci antitumorali, diuretici e antidepressivi
  • Tensione, ansia e depressione possono peggiorare l’acufene. In questi casi è utile provare tecniche di rilassamento, yoga o meditazione

Fattori di rischio

Condizioni che possono far aumentare la possibilità di sperimentare il ronzio alle orecchie sono:

  • L’esposizione abituale ad un forte rumore
  • L’uso continuo di dispositivi musicali portatili ad alto volume per lunghi periodi
  • L’età. Quando si invecchia, il numero di fibre nervose funzionanti nelle orecchie diminuisce
  • Sesso: è più probabile sentire il ronzio se si appartiene al sesso maschile
  • Fumo: chi fuma ha più probabilità di sperimentarlo
Fischio alle orecchie: cause e rimedi
Fonte: Pixabay

Sintomi del ronzio all’orecchio

I sintomi sono piuttosto soggettivi, anche se la maggior parte delle persone sostiene di sentire un fischio nell’orecchio.

Altri rumori che è possibile sentire sono un sibilo, un ronzio o un leggero ruggito. Tali rumori possono variare di tono e possono essere più o meno forti: possono risultare semplicemente fastidiosi o non permettere di concentrarsi. Può anche trattarsi di un rumore fisso o intermittente.

Quanto può durare il fischio alle orecchie

La durata del disturbo dipende dalla sua causa. Ad esempio, se è correlato a lesioni, dura solo pochi minuti. Se, invece, è dovuto ad un blocco da tappo di cerume o infezioni alle orecchie, può scomparire entro poche settimane dalla guarigione della relativa condizione.

Se è causato dall’assunzione di determinate medicine – i cosiddetti farmaci ototossici – il disturbo scompare quando se ne interrompe l’assunzione.

Nei casi più seri, invece, può diventare una condizione permanente con la quale, con i dovuti trattamenti, si può convivere.

Complicazioni

L’acufene colpisce le persone in modo diverso e, in alcuni casi, incide profondamente sulla qualità della vita. Chi soffre di ronzio alle orecchie, può sentirsi affaticato e stanco, può avere problemi a concentrarsi nello studio o sul lavoro, può provare ansia e depressione o avere spesso mal di testa.

Diagnosi

Se si ritiene di avere l’acufene, è opportuno fissare un appuntamento con il proprio medico di base. Il professionista indagherà tramite una serie di visite ed esami traendo informazioni sulla storia medica personale e familiare del paziente, sincerandosi sullo stile di vita di quest’ultimo e sui farmaci che sta assumendo.

Probabilmente seguiranno visite mirate che interessano l’esame della testa, del collo e delle orecchie. Effettuerà inoltre, qualora lo ritenga opportuno, un test di base dell’udito e del movimento.

Tra i possibili test si annoverano:

  • test uditivo completo
  • TC o risonanza magnetica
  • analisi del sangue
Fischio alle orecchie: cause e rimedi
Fonte: Pixabay

Cura del fischio alle orecchie

Come eliminare il fischio alle orecchie? È possibile curare il disturbo tramite trattamenti mirati alla causa che provoca il ronzio. Ad esempio, i più comuni includono la rimozione del cerume eventualmente responsabile di un blocco nelle orecchie; l’intervento sui vasi sanguigni se da questi deriva il problema; il ricorso ad apparecchi acustici (specie se il ronzio è dovuto all’avanzare dell’età o alla perdita dell’udito); il cambiamento dei farmaci se da questi può derivare.

Come alleviare il fischio alle orecchie? Per eliminare il rumore, infine, si può ricorrere alle macchine a rumore bianco, dispositivi che producono un suono simile a quello statico o ambientale. Tali dispositivi, posti in casa, possono aiutare a smorzare lo squillo, il ronzio o il rumore avvertito fornendo rumori rilassanti in grado di mascherare i suoni dell’orecchio.

Rimedi della nonna

Se vi chiedete come altro alleviare il ronzio, esistono diversi rimedi della nonna per il fischio alle orecchie. Anche se non sempre può essere curato, la prevenzione è importante, specie se si svolgono dei lavori che espongono al rumore forte e continuo. Stiamo parlando di soggetti che hanno a che fare tutto il giorno con attrezzature rumorose in fabbrica, con motoseghe, con martelli pneumatici o con strumenti musicali. In questi casi è bene indossare una protezione acustica sopra l’orecchio.

Inoltre, anche se si è giovani, è bene evitare di ascoltare musica ad alto volume per ore, peggio se tramite cuffie o auricolari. Di contro, è efficace l’ascolto di suoni della natura quali quello delle onde, del vento, specie prima di andare a letto. Utile è limitare l’uso di alcolici e nicotina: sostanze il cui abuso può influenzare il flusso sanguigno dando vita al ronzio.

Rimedi naturali

Infine, utili possono tornare queste pratiche comuni o semplici accorgimenti, i cosiddetti rimedi naturali:

  • Corretta pulizia delle orecchie (scopri come pulire le orecchie)
  • Terapia del suono
  • Relax
  • Evitare di affaticarsi
  • Prediligere alimenti antinfiammatori

Trattamenti alternativi

Esistono alternative opzioni di trattamento che possono accompagnarsi alle precedenti. Si tratta di rimedi omeopatici, agopuntura o ipnosi. Seppur non supportate da evidenze scientifiche, un buon numero di soggetti sostiene di avere avuto benefici ricorrendovi.

Inoltre, utili sarebbero determinati integratori alimentari a base di erbe e vitamine (zinco, ginkgo e vitamina B-12).

Fischio alle orecchie: cause e rimedi
Fonte: Pixabay

Conclusioni

Il fischio alle orecchie è una condizione che può provocare un semplice fastidio così come un vero e proprio disagio andando ad incidere negativamente sulla qualità di vita del soggetto che ne è colpito. Nella maggior parte dei casi non prevede una cura diretta, ma un trattamento volto a risolvere la causa che lo provoca. Tuttavia, ci sono diversi rimedi, naturali e non, per trattare il problema riducendo l’intensità dei sintomi e migliorando la vita.

Un medico saprà trovare le soluzioni più adatte al singolo caso dopo avere inquadrato la situazione medica e familiare del paziente. In alcuni casi il ronzio può scomparire da solo, indipendentemente dalla causa. In altri, può durare a lungo o essere permanente. Senza una adeguata diagnosi è difficile prevederne il decorso.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social