Benessereblog Benessere Psicologia Essere ottimisti fa bene e allunga la vita

Essere ottimisti fa bene e allunga la vita

Essere ottimisti allunga davvero la vita. Lo conferma questo nuovo studio.

Essere ottimisti fa bene e allunga la vita

Essere ottimisti allunga davvero la vita. A suggerirlo è un nuovo studio condotto dai membri della Boston University School of Medicine, i quali spiegano che le persone più ottimiste hanno maggiori probabilità di vivere più a lungo, oltre gli 85 anni di età.

Per giungere a questa conclusione, gli autori dello studio hanno esaminato un campione di 69.744 donne e di 1.429 uomini. Entrambi i gruppi hanno completato delle indagini volte a valutare il livello di ottimismo e le abitudini generali che riguardavano la salute (come dieta, fumo e assunzione di alcol).

Esaminando i dati raccolti gli esperti hanno scoperto che gli uomini e le donne più ottimisti hanno, in media, una durata della vita dell’11-15% più lunga e una probabilità del 50-70% maggiore di raggiungere gli 85 anni rispetto alle persone meno ottimiste.

Questo studio ha una forte rilevanza per la salute pubblica perché suggerisce che l’ottimismo è una di quelle risorse psicosociali che ha il potenziale di prolungare la durata della vita delle persone. È interessante notare che l’ottimismo può essere modificabile utilizzando tecniche o terapie relativamente semplici.

Detto ciò, gli autori spiegano che non è chiaro come l’ottimismo possa aiutare le persone ad avere una vita più lunga, ma secondo alcune ricerche a giocare un ruolo importante potrebbe essere il fatto che le persone più ottimiste potrebbero essere in grado di regolare le emozioni e il comportamento, oltre che di riprendersi dalle difficoltà in modo più efficace. Le persone più ottimiste tendono inoltre ad avere abitudini più sane (come fare attività fisica e non fumare), e ciò potrebbe allungare la loro vita.

 

via | ScienceDaily

Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quale attività fisica può praticare chi soffre di ernia del disco?
Fitness

L’ernia del disco viene definita come una fuoriuscita di materiale discale dai normali margini dello spazio del disco intervertebrale, che determina la comparsa di dolore, disturbi sensitivi e motori. Chi soffre di questo disturbo deve sapere che la migliore prevenzione delle alterazioni posturali del rachide è il movimento. Ma quale attività fisica può praticare in sicurezza chi soffre di questo disturbo? Lo abbiamo chiesto ad un ortopedico: ecco cosa ci ha detto.