Benessereblog Dove si trova l’acido acetilsalicilico e qual è il suo meccanismo d’azione

Dove si trova l’acido acetilsalicilico e qual è il suo meccanismo d’azione

Dove si trova l’acido acetilsalicilico e qual è il suo meccanismo d’azione

L’acido acetilsalicilico è maggiormente conosciuto come aspirina, dal nome commerciale della nota casa farmaceutica tedesca Bayer. Si tratta di un farmaco antiinfiammatorio non-steroideo, un Fans, che fa parte della famiglia dei salicilati. Il composto, che solitamente si scioglie in acqua, opera da solo o in collaborazione con altri principi come analgesico per dolori di lieve entità, come antipiretico, come antiinfiammatorio.

L’acido acetilsalicilico ha anche effetti antiaggreganti e fluidificanti sul sangue: per questo motivo a piccole dosi l’aspirina e tutti i farmaci a base di acido acetilsalicilico vengono usati per prevenire gli attacchi cardiaci in pazienti potenzialmente a rischio. In passato si usava moltissimo nel combattere i sintomi dell’influenza, anche se oggi si preferisce usare il paracetamolo. Se usato a basso dosaggio, viene impiegato per bloccare la formazione del trombossano A2 nelle piastrine, per una maggiore fluidificazione del sangue e quindi per prevenire possibili infarti.

L’acido acetilsalicilico è scarsamente presente in natura: è un farmaco di sintesi, ideato dal chimico francese Charles Frederic Gerhardt. Il primo brevetto consisteva nell’uso di salicilato di sodio, di origine vegetale, e di cloruro di acetile, ottenuto da sintesi.

L’acido acetilsalicilico è una molecola sintetica che viene assunto per via orale e assorbido dalla mucosa gastrica e intestinale, per essere poi distribuito a livello epacio, grazie ad alcuni enzimi. L’acido, arrivando nei tessuti, inibisce le ciclossigenasi, riducendo le concentrazioni di prostaglandine, che intervengono nei processi infiammatori. Ne consegue un effetto antinfiammatorio, antidolorifico e in piccolissima parte anche antipiretico.

Terminata la sua azione, l’acido salicilico viene metabolizzato a livello epatico, per poi essere escreto attraverso le vie renali.

Foto | Flickr

Via | Wikipedia

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social