Benessereblog Salute Dormire poco accorcia la vita, specialmente se hai il diabete

Dormire poco accorcia la vita, specialmente se hai il diabete

Dormire poco accorcia la vita, soprattutto se soffri di diabete: scopri quali sono i rischi che corrono le persone che soffrono di insonnia

Dormire poco accorcia la vita, specialmente se hai il diabete

Ci risiamo, sono le tre del mattino e vi state girando e rigirando nel letto. L’insonnia non vi da tregua, e state pensando di rivolgervi a un medico. Beh, si tratta senza dubbio della scelta più saggia! Dormire poco e male, infatti, può causare molti danni alla nostra salute, e può persino accorciare la vita, specialmente per chi soffre di diabete.

A rivelarlo è un nuovo studio da poco pubblicato sul Journal of Sleep Research, i cui autori hanno analizzato i dati di circa mezzo milione di persone inglesi di mezza età. Gli esperti hanno chiesto ai partecipanti se avessero problemi del sonno (come ad esempio non riuscire ad addormentarsi o svegliarsi spesso nel bel mezzo della notte).

Esaminando le risposte dei volontari, gli autori hanno osservato che le persone con frequenti problemi di sonno corrono un rischio maggiore di morire rispetto a quelle che non soffrono di simili problemi.

Dormire poco accorcia la vita, soprattutto per chi soffre di diabete

Insomma, a quanto sembra dormire poco accorcia la vita, e gli effetti sono più marcati per i pazienti con diabete. Questi ultimi corrono un rischio maggiore dell’87% di morire per qualsiasi causa rispetto alle persone senza diabete o senza disturbi del sonno.

Il diabete da solo è stato associato a un aumento del rischio di mortalità del 67%. Tuttavia, la mortalità per i partecipanti con diabete combinata con frequenti problemi di sonno è aumentata all’87%. In parole povere, è particolarmente importante che i medici che curano le persone con diabete indaghino anche sui disturbi del sonno e che prendano in considerazione i trattamenti ove necessario.

Insomma, chi fa fatica ad addormentarsi, chi non riesce a dormire abbastanza o chi si sveglia più volte nel cuore della notte e non riesce più a prendere sonno, non dovrebbe sottovalutare il problema, ma dovrebbe piuttosto parlarne con il proprio medico. Quest’ultimo – a sua volta – dovrà prestare la massima attenzione di fronte a simili disturbi.

Se soffrite di insonnia, scoprite quali sono i consigli da mettere in pratica sin da subito!

via | ScienceDaily
Foto di Sammy-Williams da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.