Benessereblog Salute Malattie Il dolore delle malattie reumatiche può causare ansia e depressione

Il dolore delle malattie reumatiche può causare ansia e depressione

Secondo gli esperti il dolore che le persone affette da malattie reumatiche provano può causare ansia e depressione.

Il dolore delle malattie reumatiche può causare ansia e depressione

Le persone che soffrono di malattie reumatiche possono sperimentare anche stati di ansia e depressione, a causa dei dolori che queste patologie portano con se. E’ quello che è emerso in occasione dell’intervento di Antonella Celano, presidente di Apmar, Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare, al 55esimo Congresso Nazionale della Società Italiana di Reumatologia (Sir) a Rimini.

Le malattie reumatiche, infatti, possono avere un impatto importante anche a livello psicologico, tanto che spesso i pazienti affetti soffrono anche di ansia e depressione.

Secondo i dati emersi dalla ricerca “Vivere con una malattia reumatica” realizzata da Apmar e WeResearch in 2 casi su 3 sono le donne a soffrire di malattie reumatiche.Il 65% delle donne e il 59% degli uomini che convivono con le malattie reumatiche sperimentano anche ansia e depressione, provocate proprio dal dolore quotidiano che provano. Il 30% delle donne ha dichiarato di aver avuto un peggioramento della salute, contro il 23% degli uomini.

Matteo Santopietro, managing director di WeResearch, spiega:

Le malattie reumatiche hanno un impatto fortemente negativo sulla vita sociale e lavorativa delle persone. In particolare, nel campione composto dalle oltre mille persone con malattie reumatiche il dolore quotidiano, l’ansia, la depressione e le difficoltà nello svolgimento delle attività abituali sono maggiori nelle donne rispetto agli uomini che fanno rilevare dati comunque preoccupanti.

Se le donne affrontano maggiori disagi per quello che riguarda la vita sociale, per quello che riguarda la vita lavorativa a pagarne maggiori conseguente sono gli uomini. Sul posto di lavoro 1 persona su 2 non parla dei diritti previsti per legge per paura di perdere il posto o subire mobbing. Negli uomini la tendenza è maggiore.

Foto iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Oggi è la Giornata Internazionale della Malattia di Chagas
Malattie

Oggi ricorre la Giornata Internazionale della Malattia di Chagas, una giornata di sensibilizzazione che mira a far conoscere questa pericolosa infezione. La malattia di Chagas, anche nota con il nome di tripanosomiasi americana, è molto diffusa nei Paesi dell’America Latina, ma rappresenta sempre più un problema di portata globale. Vediamo come avviene il contagio e quali sono gli obiettivi del World Chagas Disease Day 2023.