Benessereblog Benessere Psicologia Disturbo da stress post-traumatico: prevenirlo è possibile?

Disturbo da stress post-traumatico: prevenirlo è possibile?

Esiste un modo per prevenire il Disturbo da stress post-traumatico? Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Disturbo da stress post-traumatico: prevenirlo è possibile?

E’ possibile ridurre il rischio di soffrire di Disturbo da stress post-traumatico? Un nuovo studio condotto dai membri del Centre for Addiction and Mental Health e pubblicato sulle pagine del Journal of Clinical Investigation rivela che il Disturbo da stress post-traumatico (PTSD) potrebbe essere curato e addirittura prevenuto. Lo studio ha infatti rivelato l’esistenza di un complesso proteico, il glucorticoide recettore-Fkbp51, i cui livelli sarebbero più elevati nei pazienti con PTSD.

I ricercatori hanno anche sviluppato un peptide in grado di colpire e distruggere il complesso proteico, ed hanno scoperto che tale peptide potrebbe impedire la codifica dei ricordi spaventosi. In questo modo potrebbe essere presto possibile trattare i sintomi del PTSD o persino prevenirli del tutto.

La scoperta del complesso proteico Glucocorticoid Receptor-FKBP51 fornisce una nuova comprensione dei meccanismi molecolari alla base del PTSD. Riteniamo che questo complesso proteico normalmente aumenti dopo un grave stress, ma nella maggior parte dei casi i livelli tornano presto ai livelli basali

spiegano gli autori dello studio, aggiungendo che in coloro che sviluppano il Disturbo da stress post-traumatico il complesso proteico rimane tuttavia elevato in modo persistente, e ciò potrebbe essere un biomarcatore per questa sindrome, oltre che un bersaglio per il trattamento farmacologico.

Inoltre, il peptide che abbiamo sviluppato potrebbe essere somministrato dopo un evento traumatico e potrebbe impedire al paziente di sviluppare la PTSD. Questo è un approccio completamente nuovo al PTSD e ai disturbi psichiatrici in generale.

via | ScienceDaily
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quale attività fisica può praticare chi soffre di ernia del disco?
Fitness

L’ernia del disco viene definita come una fuoriuscita di materiale discale dai normali margini dello spazio del disco intervertebrale, che determina la comparsa di dolore, disturbi sensitivi e motori. Chi soffre di questo disturbo deve sapere che la migliore prevenzione delle alterazioni posturali del rachide è il movimento. Ma quale attività fisica può praticare in sicurezza chi soffre di questo disturbo? Lo abbiamo chiesto ad un ortopedico: ecco cosa ci ha detto.