Benessereblog Benessere Dormire bene Digrignare i denti, i rimedi utili

Digrignare i denti, i rimedi utili

Quali sono i rimedi più efficace per ostacolare il bruxismo, disturbo legato al sonno estremamente diffuso.

Digrignare i denti, i rimedi utili

Quali sono i rimedi più efficace per ostacolare il bruxismo, disturbo legato al sonno estremamente diffuso.

Il termine medico che definisce il digrignare i denti è bruxismo ed è una condizione abbastanza diffusa, che però deve essere corretto. Lo sfregamento dei denti, con mandibola serrata, avviene nel sonno e dunque difficilmente chi ne soffre ne è consapevole. Può, ovviamente, capitare a tutti, nei momenti di stress, ma quando il fenomeno perdura nel tempo, deve essere curato perché ha effetti collaterali davvero spiacevoli.

Quali? Per esempio forti dolori alla testa, ma anche l’irrigidimento dei muscoli del collo, l’usura dei denti e soprattutto dello smalto, che li rende più vulnerabili alle carie, così come l’infiammazione del nervo trigemino e l’usura dello smalto dentale. Quali sono i rimedi utili?

Lo strumento più noto e anche più efficace si chiama Bite. È una sorta di cuscinetto leggero che si mette tra le arcate dentali prima di coricarsi e ostacola il digrignamento. Ostacolano il digrignamento ma servono anche a mantenere un posizione corretta della masticatura. I bite possono essere morbidi o duri, in base alle esigenze del paziente; sono misure standard vendute nelle farmacie, ma possono essere anche preparati “su misura.

È anche utile trovare una valvola di sfogo: se soffrite di stress, provate con lo yoga e la meditazione, magari da praticare poco prima del coricamento. Possono essere utili anche delle tisane rilassante, come la passiflora o la melissa. Nei casi più gravi il medico potrebbe prescrivere degli antinfiammatori.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quali sono le posizioni giuste per dormire bene
Dormire bene

Le posizioni ideali per un sonno di qualità sono quelle che supportano la curvatura naturale della colonna vertebrale. Dormire sulla schiena con un cuscino sotto la testa o in posizione fetale con le ginocchia piegate mantiene l’allineamento spinale. Queste posizioni riducono la pressione sulla colonna e aiutano a prevenire dolori e problemi di sonno, come le apnee notturne e il russamento, migliorando la qualità del riposo notturno e consentendoci di svegliarci riposati.