Benessereblog Alimentazione Differenze tra zucchero bianco e zucchero di canna

Differenze tra zucchero bianco e zucchero di canna

Quali sono le differenze nutrizionali tra lo zucchero bianco e lo zucchero di canna? Sono davvero così nette?

Differenze tra zucchero bianco e zucchero di canna

Ma è meglio lo zucchero bianco oppure quello bruno, detto anche di canna? È una vecchia storia, su cui pare sia difficile mettersi d’accordo in maniera definitiva. Se nel caso di molti alimenti mutano radicalmente i valori nutrizionali nella loro variante integrale oppure raffinata (i cereali per esempio perdono parte delle loro virtù se non vengono consumati integrali), così non pare essere per lo zucchero.

È vero che lo zucchero bruno è più ricco di qualche elemento che nella raffinazione che conduce allo zucchero bianco si perde, ma le differenze non sono così nette, stando a quanto riporta Linea y Forma. Se lo zucchero bruno ha 17 calorie per cucchiaino, quello bianco ne ha 16.

Muta leggermente il sapore, perché quello bruno ha un maggiore contenuto di melassa, mentre non significativamente cambia il contributo di altri elementi. L’apporto di vitamina A, acido pantotenico, e vitamine B1 e B2 rimane modesto nel caso dello zucchero bruno, non sufficiente a giustificare una preferenza netta.

Inoltre spesso anche questo tipo di zucchero è stato sottoposto a processo di raffinazione e non essendo riportato sulla confezione quale sia l’impatto del procedimento non ci è dato sapere se il prodotto che consumiamo sia meno industriale dello zucchero bianco. In definitiva sembra che possiamo optare per l’una o l’altra tipologia di zucchero secondo criteri che non tengono troppo conto dei valori nutrizionali. Ci baseremo sul gusto e sull’uso che dobbiamo farne. Alcune preparazioni infatti, specie nel caso dei dolci, possono richiedere zucchero bianco oppure bruno determinando una differenza di risultato. Voi quale preferite?

Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Cosa deve e non deve mangiare chi ha l’anemia mediterranea
Malattie

Chi ha l’anemia mediterranea, anche in base alla gravità della patologia del sangue, che è ereditaria e può essere trasmessa ai propri figli, deve prestare massima attenzione agli alimenti ricchi di ferro, per evitare accumuli. Il ferro è presente in alimenti di tipo animale e di tipo vegetale, anche se l’assorbimento è maggiore nei primi rispetto ai secondi e varia anche in base alle condizioni di salute di ogni paziente.