Benessereblog Alimentazione Depressione post partum: come prevenirla con la dieta

Depressione post partum: come prevenirla con la dieta

Per molte madri l'esperienza della maternità può rappresentare uno stress insormontabile, ma lo si può combattere anche con l'alimentazione.

Depressione post partum: come prevenirla con la dieta

Pochi giorni dopo la nascita di un bambino molte madri provano quello che in gergo viene definito “Baby Blues” e si può tradurre come un momento di sconforto. Il Baby Blues è una condizione fisiologica naturale provocata dalla diminuzione della produzione di estrogeni e progesterone che si scatena normalmente con la produzione del latte materno e che determina sbalzi d’umore, facilità al pianto e disturbi del sonno e può portare alla depressione post partum.

La gioia provata dopo il parto potrebbe lasciare il passo allo sconforto e alle incertezze, ma si tratta di un fenomeno normale e passeggero. In alcuni casi però il Baby Blues può lasciare delle ferite emotive difficili da rimarginare, che possono portare la madre verso la depressione post partum.

Ecco come prevenire la depressione post partum con la dieta:

  • Preferire i grassi polinsaturi come l’olio d’oliva, quelli della frutta secca a guscio e dei semi oleosi e del pesce.
  • Integrare l’apporto di vitamina B con le uova, il pesce, il fegato, i semi oleosi e i legumi.
  • Integrare la vitamina D con il pesce, soprattutto il salmone e le verdure a foglia verde.
  • Integrare Zinco e Selenio con il pesce, la frutta secca e i latticini.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Cosa deve e non deve mangiare chi ha l’anemia mediterranea
Malattie

Chi ha l’anemia mediterranea, anche in base alla gravità della patologia del sangue, che è ereditaria e può essere trasmessa ai propri figli, deve prestare massima attenzione agli alimenti ricchi di ferro, per evitare accumuli. Il ferro è presente in alimenti di tipo animale e di tipo vegetale, anche se l’assorbimento è maggiore nei primi rispetto ai secondi e varia anche in base alle condizioni di salute di ogni paziente.